Quale Bologna Femminile?

-

Se vi avventurate su Internet e digitate in un qualunque motore di ricerca “Bologna femminile” vi compariranno due siti subito in alto nella ricerca. Il primo che rimanda alla Asd Soccer Academy Bologna ed il secondo al Bologna Calcio Femminile. Quindi due siti che parlano della stessa squadra? Sbagliato. Sono due siti che parlano di due squadre differenti. Curioso, vero? Ma chi sono queste due società? Andiamo per ordine.

La A.S.D. Soccer Academy Bologna è un progetto di calcio femminile gestito da Daniela Tavalazzi e Pietro Bosco, un percorso tecnico educativo iniziato due anni fa e che ora ha avuto l’affiliazione da parte del Bologna maschile, prima squadra bolognese in assoluto. La società femminile (di cui Bosco è presidente e Roberto Tedeschi è il vice) ha in Daniela Tavalazzi il responsabile tecnico del settore giovanile e della prima squadra ed ha già piazzato il primo “colpo di mercato“, con il tesseramento della giovane calciatrice bolognese Francesca Armaroli, estremo difensore già nel giro della Nazionale U17.

L’A.S.D. Bologna Calcio Femminile è la prima squadra di calcio femminile a Bologna, nata nel 1964 e che da poco ha rinnovato completamente il suo assetto, sia per quanto riguarda la prima squadra che per quanto riguarda i vertici societari con Sergio Grandi e Mauro Grandi presidente e vicepresidente. La squadra è stata affidata a mister Loris Poggi, ex tecnico dell’Imolese che ha portato con sé in dote un gruppo ben nutrito di giocatrici dalla sua precedente squadra. Questa società ha avuto, ironia del destino, proprio in Daniela Tavalazzi una delle sue giocatrici simbolo negli anni ’90 ed ora cerca con Poggi una rinascita dalla Serie C.

In questo momento l’unica società femminile a Bologna ad avere l’affiliazione con la società maschile del presidente Guaraldi è la Soccer Academy Bologna, un progetto che in due anni ha già generato ben 7 squadre diverse dalla prima squadra alla primavera (con due formazioni di cui una sarà selezionata e l’altra sarà fuori classifica) e che è un tuttuno con la società maschile, uno dei tanti progetti che per fortuna stanno nascendo ora in Italia. E l’altra? L’altra è la memoria storica del calcio al femminile a Bologna e segue un percorso differente sperando che la scelta di un allenatore come Poggi porti la squadra dalla Serie C in cui si trova ora alla Serie B, memore delle tante stagioni trascorse in serie cadetta negli anni precedenti.

Che sia la Soccer Academy o il Bologna Calcio Femminile, la speranza è che l’una o l’altra servano a riportare il calcio femminile bolognese al livello che gli compete e che sotto le Due Torri nascano tante campionesse in erba e calzoncini, pronte a calcare di nuovo campi più importanti nel panorama del calcio in rosa. E quindi… quindi Alè Bulaggna.

Stefano Pellone
Stefano Pellone
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile.

I dieci incubi del tifoso della Lazio

La propria squadra del cuore, si sa, oltre alle gioie provocate per un gol o una vittoria, riesce a regalare ai propri tifosi anche...
error: Content is protected !!