Top e flop della quarta giornata di Serie A

-

I migliori e i peggiori della quarta giornata di A. L’Inter travolgente col Sassuolo riabbraccia Milito, che segna subito una doppietta. Un super Reina ipnotizza Balotelli. Esordio in A da dimenticare per Pucino, la Sampdoria ringrazia un Agazzi in versione sciagurata. Disastroso anche Abbiati

TOP

Diego Milito: sarà anche entrato quando la partita non aveva più molto da dire, ma rivederlo in campo dopo più di sette mesi e segnare subito due gol è una bella cosa non solo per i tifosi dell’Inter ma anche per gli appassionati di calcio. Bentornato Principe

Pepe Reina: già per il fatto di essere stato il primo portiere ad aver parato un rigore a Balotelli meriterebbe la citazione. Poi sfodera almeno altre due grandi parate, sempre su Super Mario, e si arrende solo quando il Napoli ha i tre punti in cassaforte. E’ lui l’eroe di San Siro

Federico Balzaretti: le lacrime che seguono il gol che in pratica decide il derby (poi Ljajic metterà il sigillo definitivo su rigore prima del fischio finale) la dicono lunga sulla liberazione della Roma giallorossa dalla finale di Coppa Italia persa. Soprattutto per uno che segna poco come lui  è stato un momento indimenticabile

 

FLOP

Raffaele Pucino: non poteva scegliere un modo peggiore per esordire in Serie A. Sassuolo umiliato 7-0 dall’Inter e lui fa anche autorete, a nemmeno 20 minuti dal suo ingresso in campo. Un sogno che si è presto trasformato in un incubo. Ritenta, sarai più fortunato…

Michael Agazzi: ha sulla coscienza un gol e mezzo nel finale incandescente del Sant’Elia tra Sampdoria e Cagliari. Prima la paperissima sul tiro innocuo di Gabbiadini, sul 2-2 definitivo ha l’attenuante di una deviazione a pochi passi, anche se il suo intervento resta abbastanza goffo.

Christian Abbiati: volendo riassumere si potrebbe dire che la differenza tra Milan e Napoli l’hanno fatta i portieri. Se Reina dall’altra parte è stato sublime, lo stesso non si può dire del suo collega rossonero. Sul gol di Britos non esce e sul tiro di Higuain, bello ma non irresistibile, non fa certamente una bella figura.

Fabio Casati
Fabio Casati
Nato a Sesto San Giovanni (MI) il 12 agosto 1979, è laureato in Scienze Politiche. Collaboratore di Sportitalia, in passato ha collaborato con siti e giornali sportivi ed è stato il responsabile della sezione calcio del sito di Eurosport.

MondoPallone Racconta… Lo scudetto dal sapore esotico

Danilo Pileggi, ex centrocampista di Serie A negli anni '80, è diventato campione di Etiopia alla guida del Saint-George, rinnovando la felice tradizione dei...
error: Content is protected !!