Fantacalcio Serie A 2016/17: i consigli per la 27/a giornata

Fare la formazione prima del primo anticipo di Serie A è uno dei riti sacri per il fantacalcista. Quello è il momento dei dubbi, delle certezze, delle scelte. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi la scelta azzeccata o una mossa scellerata. E ci sono tante varianti da tener conto: intanto, bisogna sapere chi è destinato a saltare il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), per i restanti, occorre valutare come hanno vissuto la settimana di allenamenti e gli incroci che regala loro il calendario. Poi è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una buona dose di fondoschiena. Ma la fortuna va aiutata e per questo, con umiltà, vi lasciamo qualche consiglio su chi schierare e chi no, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

POLLICE SU – La 27/a giornata di Serie A si giocherà interamente in due giorni: sabato e domenica. E questa è di per sé una grande notizia per noi fantallenatori, che non eravamo più abituati a turni così “veloci”. Il via domani alle 15 con l’anticipo di lusso Roma-Napoli, poi Samp-Pescara e Milan-Chievo in notturna; domenica la Juve sarà impegnata a Udine, l’Inter a Cagliari, prima un succulento anticipo all’ora di pranzo tra Atalanta e Fiorentina e poi il posticipo serale fra Bologna e Lazio.
La top 11 di questa giornata si affida fra i pali al neo maggiorenne Donnarumma: Gigio difenderà la porta del Milan a San Siro contro un Chievo spuntato. In difesa, stavolta, scegliamo Dani Alves (sarà lui il titolare a Udine, con Lichtsteiner verso la panchina), Caldara (segnare aiuta a segnare e la doppietta di Napoli gli darà una carica non indifferente) e De Sciglio (puntiamo sulla spinta dell’azzurro, che piano piano sta tornando sui suoi livelli). La linea a quattro di centrocampo è composta da Suso (ha il guizzo e i numeri per fare sempre la differenza), Baselli (con Benassi squalificato, sarà lui il centrocampista deputato agli inserimenti in zona offensiva), Praet (il belga, seppur lentamente, sta imparando a conoscere il campionato italiano e pensiamo che a Marassi contro il Pescara possa far bene) e Gómez (un campionato così se lo ricorderà a lungo, sfruttatelo e godetevelo: anche contro la Fiorentina può lasciare il segno). Infine l’attacco: Falcinelli (da buon ex farà di tutto per segnare, diamogli fiducia), Belotti (una rete contro il Palermo è quotata a 1.01, e chissà che domenica il Gallo non canti più di una volta) e Muriel (da cinque giornate fa la voce grossa, contro la difesa di Zeman potrà trovare spazi preziosi).

POLLICE GIÙ – Solito sguardo a chi non sarà protagonista nella prossima giornata di campionato prima di svelarvi i nomi dei nostri undici sconsigliati. Cominciamo subito con i sei squalificati: Hetemaj, Kessié, Saponara, Pellegrini, Benassi e Torosidis. Oltre a loro, occhio agli infortunati recenti (i nomi nuovi sono soprattutto quelli di Sturaro, Orbán e Ninković) e ai tanti giocatori in dubbio: Romagnoli, Abate, Inglese, Pellissier, Dramé, Milić, Bernardeschi, Iličić, Padoin, Farias, Brozović, João Mário, Ceccherini, Tonev, Defrel, Mchedlidze, Théréau, Marchisio, Gastaldello e Maietta.
Flop 11 inaugurata da un nome di lusso: Pepe Reina, impegnato nella pericolosissima trasferta contro la Roma. Difficile pensare che possa mantenere la porta inviolata. Retroguardia a tre con Felipe (il Pipita e i suoi amici gliene faranno vedere di cotte e di crude), Goldaniga (marcherà Belotti; auguriamo a lui e a tutto il Palermo che questo campionato possa finire in fretta) e Gobbi (dovrà guardarsi dalle folate di Suso e sarà poco presente in zona offensiva). Mediana composta, stavolta, da Taïder (a nostro avviso gli serve ancora tempo per tornare al cento per cento e potrebbe patire la sfida contro il centrocampo laziale, molto forte fisicamente), Sánchez (il colombiano sarà impiegato in difesa e dalle sue parti bazzicherà il Papu, vi basta?), Kums (doveva diventare il padrone del centrocampo friulano, ma è finito nel dimenticatoio) e Dessena (sfida tutta fisica contro i centrocampisti nerazzurri, per il capitano del Cagliari è più probabile un cartellino che un bonus). Il tridente sconsigliato di questa settimana include il palermitano Balogh (molto fumo e poco arrosto, ha qualità ma spesso si perde in un bicchier d’acqua), Destro (dovrebbe essersi ristabilito dall’infortunio, ma il ballottaggio con Petković è vivo e rischia la panchina) e Insigne (difficilmente la Roma concederà spazio agli attaccanti partenopei, prevediamo una gara di sacrificio per il folletto azzurro).

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.