Shock USA, attentato terroristico a Boston: almeno tre morti, di cui un bimbo di 8 anni

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO DELL’ESPLOSIONE

Due boati al traguardo della maratona di Boston, alle ore 14.50 locali, hanno scosso un tranquillo pomeriggio di sport. Due bombe sono state fatte esplodere tra la folla, causando almeno tre morti e decine di feriti. Altri tre ordigni sono stati trovati e fatti brillare dagli artificieri: sarebbero dovuti esplodere anch’essi, probabilmente azionati da un comando lanciato da un telefonino cellulare. Una delle tre vittime è un bimbo di otto anni. Esplosione anche alla JFK Library, ma non ci sarebbero civili coinvolti.

Inutile dire che in tutta la costa est degli Stati Uniti si è scatenato il panico: a New York la situazione è tutt’altro che tranquilla, mentre nel capoluogo del Massachusetts stanno iniziando le prime evacuazioni di alberghi, mentre le autorità locali consigliano di non utilizzare i telefoni cellulari, per impedire che essi inneschino altre esplosioni programmate dai terroristi. A tal proposito è stata fermata una persona sospetta, ma si tratta solo di supposizioni e nessuna ipotesi è stata scartata. Il presidente Obama ha parlato alla Nazione: “I responsabili la pagheranno”.

Le esplosioni sono avvenute a livello del suolo, cosa che ha ovviamente aumentato il numero di coinvolti: proprio questo elemento è uno dei tanti che hanno fatto pensare sin da subito a un attacco terroristico, come confermato dal vice presidente Joe Biden. “Apparentemente c’è stato un attentato terroristico, ma non conosco i dettagli sulle cause” ha rivelato il vice di Obama, aggiungendo poi che “tutte le preghiere sono rivolte per i cittadini di Boston“.

Lo spazio aereo di Boston è stato chiuso, e tutti gli agenti richiamati in servizio. Sarà una lunga giornata negli Stati Uniti, come confermato dal vice capo della polizia, Paul Browne, che ha annunciato un rafforzamento delle misure, col dispiegamento di pattuglie anti terrorismo nei luoghi simbolo di Manhattan e davanti ai principali alberghi.

Gli italiani iscritti alla maratona di Boston erano 227, nessuno coinvolto nell’incidente. PER CHI CERCA FAMILIARI, E’ ATTIVO IL NUMERO 001 6176354500

Condividi
Nato a Genova nel maggio 1992; è un appassionato di calcio, basket NBA e pallavolo (sport che ha praticato per molti anni). Frequenta la facoltà di Scienze Politiche, indirizzo amministrativo e gestionale. Email: alelli@mondosportivo.it