Barcellona-Milan: precedenti e statistiche del big match di Champions

E’ tutto pronto per Barcellona-Milan, è tutto pronto per il ritorno degli ottavi che deciderà il cammino in Champions per due squadre che s’incontrano per la sesta volta nell’arco di due anni. L’armata catalana, nella Liga, arriva da 4 successi e una sconfitta contro il Real Madrid, con un bottino di ben 13 reti all’attivo e 5 subite. Gli uomini di Allegri stanno provando la scalata al secondo posto, e non perdono dal 22 dicembre scorso, quando furono sconfitti in casa della Roma di Zeman. Nelle ultime cinque giornate di serie A hanno ottenuto 3 vittorie e 2 pareggi, segnando 9 reti e subendone solo 3.

La vittoria dei rossoneri al Camp Nou manca dal 2000: era il 26 settembre e a mandare k.o. i blaugrana furono le reti di Coco e Bierhoff. I precedenti ammontano a 16 gare, 14 tra Coppa dei Campioni e Champions League e 2 nella Supercoppa Europea. In terra catalana gli incontri sono stati 6. Tre vittorie per i padroni di casa, 1 per il Milan e 2 pareggi, per un totale di 19 gol al Camp Nou, 12 per i blaugrana e 7 per i rossoneri. Ecco le sfide passate in ordine cronologico:

1959-60 Barcellona-Milan 5-1 Martinez (B), Segarra (B), Kubala (B), Ferrario (M), Czibor (B), Kubala (B), ottavo di finale Coppa dei Campioni; 2000-01 Barcellona-Milan 0-2 Coco, Bierhoff, fase a gironi Champions League; 2004-05 Barcellona-Milan 2-1 Shevchenko (M), Eto-ò (B), Ronaldinho (B), fase a gironi Champions League; 2005-06 Barcellona-Milan 0-0, ritorno di semifinale Champions League; 2011-12 Barcellona-Milan 2-2 Pato (M), Pedro (B), Villa (B), Thiago Silva (M), fase a gironi Champions League; 2011-12 Barcellona-Milan 3-1 Messi (B) rig., Nocerino (M), Messi (B) rig., Iniesta (B), ritorno dei quarti di finale Champions League.

L’unico ex dell’incontro sarà Bojan, mentre occhio al solito Messi e a Boateng, che quando vede i catalani vede “rosso”: 4 gare giocate contro di loro, 2 reti.

Allegri, forte del 2-0 dell’andata, dovrà fare a meno di Pazzini, infortunatosi contro il Genoa venerdì scorso, e autore di una gara di gran sacrificio a San Siro, un po come tutta la squadra. Spazio dunque al tridente El Sha-Boateng-Niang, a meno di clamorosi cambiamenti. Il Barcellona, sicuro della “remuntada” tanto da affermarlo sui giornali da giorni attraverso la voce dei suoi protagonisti, sarà invece al completo. Con Messi che proverà a segnare il suo primo gol su azione a una squadra italiana.

 

 

Condividi
Calciofila DOC, fa giornalismo dall’età di 15 anni. Vive di passione per le cose belle della vita come il calcio, i viaggi, la lettura, il cinema, la musica. Pronta a diventare un’inviata dai campi. Email: mdellegrazie@mondosportivo.it