Verona-Padova 0-2, il derby veneto è del Padova: adesso Colomba vola

Il Padova espugna il Bentegodi di Verona superando i padroni di casa per 2-0 grazie ai gol di Farias e Cutolo, quest’ultimo beccato dai  tifosi scaligeri. Mandorlini non approfitta del passo falso del Varese per chiudere i conti. 

MODULI SPECULARI – Per questo derby veneto. valido il posticipo della 29/a giornata, sia Mandorlini che Colomba scelgono due moduli speculari. I padroni di casa inseriscono Martinho, jolly vittorioso nella trasferta di Bari, come terzino sinistro. Jorginho in cabina di regia mentre è Sgrigna ad agire da trequartista, alle spalle di Cacia. Colomba preferisce una squadra “esperta” e lascia in panchina Viviani, preferendogli De Feudis. In attacco due tornanti veloci (Farias e Cutolo) a supporto di Babacar.

IMPRECISIONE SOTTO PORTA – Nella prima frazione di gioco molto meglio gli scaligeri, supportati anche da una buona cornice di pubblico. I gialloblù rischiano di passare in vantaggio per ben due volte nel primo quarto d’ora: se il Padova regge alla pressione avversaria è grazie a un’ottima prova di Silvestri. Colomba cerca di giocarsela in contropiede: la velocità di Cutolo e Farias infastidisce Martinho, poco propenso alla fase difensiva. Gomez è uno degli uomini più pericolosi per la squadra di Mandorlini: Renzetti e Iori sono abili a chiuderlo al limite dell’area ed evitare il peggio per i patavini. Gli ospiti rischiano di passare in vantaggio proprio allo scadere di tempo con Cutolo che, incrociando, sfiora di poco il palo.

UNO-DUE PATAVINO – La ripresa è di sola marca patavina, brava a difendersi nel primo tempo, altrettanto brava a colpire in contropiede quando ne ha occasione. Così, allo scoccare dell’ora di gioco, Iori ci prova dalla distanza, la palla viene deviata da Cacciatore e finisce sui piedi di Farias che trafigge un incolpevole Rafael. Mandorlini è su tutte le furie, uno svantaggio non del tutto meritato che, col passare dei minuti aumenta: quando entra Rivas, infatti, per uno spento Laner, gli scaligeri subiscono il raddoppio. Il 4-2-4 dei gialloblù lascia praterie in difesa, ben sfruttate dall’ex di turno, Cutolo: lanciato sul filo del fuorigioco, l’ex Crotone segna, esulta e viene ammonito. Il Bentegodi non apprezza, Colomba richiama in panchina Cutolo, fischiatissimo, inserendo un difensore. Il Verona viene imbrigliato e rischierebbe di subire il terzo gol se il colpo di testa di Bonazzoli non terminasse di poco a lato. A cinque dal termine gli scaligeri provano a riaprire i giochi ma Silvestri, in giornata divina, ci mette ancora una volta il guantone. Nei quattro di recupero Farias rischia la doppietta, colpendo il palo. Il Bentegodi chiude i battenti sotto fischi assordanti.

Tabellino

Verona-Padova 0-2 (0-0)

HELLAS VERONA (4-3-3): Rafael 5.5; Cacciatore 5.5, Moras (31′ Ceccarelli 5), Maietta 5, Martinho 5.5;  Laner 5 (64′ Rivas), Jorginho 6, Hallfredsson 5.5; Sgrigna 5 (77′ Ferrari) Cacia 5,  Gomez Taleb 5.5 . A disp.:  Berardi,  Albertazzi, Carrozza, Crespo. All.: Andrea Mandorlini
PADOVA (4-3-3):  Silvestri 8; Rispoli 6, Legati 65.5, Trevisan 6, Renzetti 6.5; De Feudis 6.5, Iori 7, De Vitis 5.5 (54′ Viviani 6.5); Cutolo 7 (72′ Dellafiore), Babacar 6 (78′ Bonazzoli), Farias 7.  A disp.: Calderoni, Jelenic, Raimondi, Dellafiore, Longato. All.: Franco Colomba

Arbitro: Signor Ciampi
Reti: 60′ Farias (P), 67′ Cutolo (P)
Note: Ammoniti: De Feudis (P), Laner (V), Cutolo (P), Iori (P), Martinho (V); Recupero: 2’p.t./4’s.t.

Condividi
Nasce nel 1993 a Reggio Calabria, ama lo sport e il giornalismo fin da giovanissimo; frequenta la facoltà di Giurisprudenza e dal settembre 2010 collabora con TuttoReggina.com e GenerazioneDiTalenti.