Nba, i risultati del 2 marzo: Lawson allo scadere ferma i Thunder. Bene Miami, San Antonio e Clippers

Tredicesima vittoria consecutiva per i Miami Heat, dominatori indiscussi della Eastern Conference con 42-14, che nelle notte hanno la meglio in casa contro gli ostici Memphis Grizzlies 98-91 con 22 punti di Dwayne Wade e tripla doppia sfiorata per Lebron James con 18 punti, 10 assist e 8 rimbalzi. Successo anche per i leader della Western Conference, i San Antonio Spurs (46-14), che travolgono nella notte i Sacramento Kings 130-102 e per l’ennesima volta mandano a referto in doppia cifra per 8 uomini. Spicca la prestazione di Manu Ginobili che piazza a referto 15 assist. Ad Ovest anche i Los Angeles Clippers vincono il loro impegno della notte in casa dei Cleveland Cavaliers 105-89, ancora orfani di Kyrie Irving, grazie ai 24 di Jamal Crawford e alle 15 assistenze di Chris Paul. New York si riprende e passa a Washington 96-88 con il trentello di Carmelo Anthony e il secondo posto in griglia ritrovato dietro i campioni in carica di Miami. Scivola al terzo posto, invece, Indiana, nonostante il successo della notte in casa dei Toronto Raptors 93-81 con 22 punti e 10 rimbalzi di Paul George. Solo 8 punti con 3/7 dal campo per il mago Andrea Bargnani.

Passiamo al big match della notte vinto dai Denver Nuggets 105-103 al Pepsi Center contro gli Oklahoma City Thuner di Kevin Durant. Un match intenso risolto all’ultimo tiro a 0.2” dalla sirena da Ty Lawson (CLICCA QUI PER VEDERE IL BUZZER BEATER DI LAWSON) che regala così il 38esimo successo stagionale ai Nuggets e infligge la sconfitta numero 16 in stagione ad Okc. Coach Karl recupera Gallinari che gioca solo 22′ con 7 punti all’attivo mentre continua a sorprendere Wilson Chandler autore di 35 punti nella notte. In casa Thunder da sottolineare la prestazione di Russel Westbrook da 38 punti e 5 assist mentre KD35 si ferma a quota 24 con 14 rimbalzi.

Blinda l’ottavo posto a ovest Houston (32-28) che vince 118-110 a Orlando in casa dei Magic ancora con l’accoppiata Barba-Parsons, 45 punti in due, mentre Boston conferma la sua settima posizione a Est dopo il successo interno per 94-86 contro i Golden State Warriors. Questa volta Stephen Curry si ferma a quota 25 mentre in casa Celtics ci pensano Paul Pearce e Jeff Green a tener alto l’onore dei verdi di coach Doc Rives rispettivamente con 26 e 18 punti.

Infine successo dei Dallas Mavericks che s’impongono a Brooklyn 98-90, degli Hornets che superano Detroit 100-95, dei Phoenix Suns che fermano la corsa degli Atlanta Hawks 92-87 e infine di Utah che travolge Charlotte 98-68.

LA TOP 10 DELLA NOTTE

NBA – I risultati del 2 marzo

Orlando Magic-Houston Rockets 110-118
Washington Wizards-New York Knicks 88-96
Toronto Raptors-Indiana Pacers 81-93
Boston Celtics-Golden State Warriors 94-86
Cleveland Cavaliers-Los Angeles Clippers 89-105
Brooklyn Nets-Dallas Mavericks 90-98
Miami Heat-Memphis Grizzlies 98-91
New Orleans Hornets-Detroit Pistons 100-95
San Antonio Spurs-Sacramento Kings 130-102
Phoenix Suns-Atlanta Hawks 92-87
Utah Jazz-Charlotte Bobcats 98-68
Denver Nuggets-Oklahoma City Thunder 105-103

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it