Juventus, Conte: “A Roma sarà difficile. L’Europa si sta accorgendo di noi”

Giorno di conferenza stampa per Antonio Conte, alla vigilia della partita che vedrà di fronte la sua Juventus alla nuova Roma di Andreazzoli. Queste le sue parole rilasciate ai cronisti presenti:

“Oggi è un giorno molto triste perché purtroppo c’è stata la scomparsa di un amico, Carmelo, Carmelo Imbriani. Sono molto vicino al fratello, a tutta la sua famiglia, a tutte le persone che hanno voluto bene a questo ragazzo”.

– Sulla partita contro la Roma:

“Domani sarà partita importante, come ho detto sei giorni fa avrei preferito giocare questa partita di domenica visti gli appuntamenti contro Fiorentina e Celtic della scorsa settimana. Non è mai stata molto semplice giocare contro la Roma all’Olimpico. Anche se loro stanno faticando sarà difficile. Il loro organico è ricco, basta vedere Totti e De Rossi. Noi dovremo stare attenti a preparare la sfida. Per loro può essere la partita della svolta visto che giocare contro la Juventus da sempre grandi motivazioni”.

– Sulla Roma:

“Vivono un momento non positivo che è culminato con l’esonero di Zeman. Le premesse di inizio stagione la volevano in lotta per traguardi importanti, ecco perché dovremo stare attenti”.

– Su Zeman:

“Gli faccio gli auguri per il suo futuro, e ad Andreazzoli, del quale mi parlano bene, che faccia bene dalla prossima partita”.

– Sulla presunta crisi attraversata dalla Juve:

“Parlavano di piccola crisi, ma io non l’ho vista. Sono invece contento degli elogi”.

– Sulle condizioni dei giocatori:

“Dalla partita col Celtic siamo tornati col morale alle stelle, che spesso aiuta anche sui vari recuperi. Stanno tutti bene, parlerò poi con ognuno di loro. C’è l’idea di confermare la squadra che ha fatto bene in queste ultime due partite. Chiellini spero di averlo a disposizione contro il Siena”.

– Su Pistorius:

“Non posso esprimere giudizi ora, che non c’è chiarezza sulla situazione”.

– Sull’attacco:

“Adesso stanno facendo bene Vucinic e Matri, prima Giovinco. Stanno tutti bene, non ci sono gerarchie. Ho la possibilità e la fortuna di scegliere chi far giocare, a volte scelgo bene a volte male”.

– Sulla sconfitta del Napoli in Europa:

“Dispiace, tutti vorremmo far risalire la china al calcio italiano in Europa. Questi, comunque, sono problemi che dovrà affrontare Mazzarri con i suoi”.

– Sulla Juve in Champions:

“Sta continuando il nostro processo di crescita. Stiamo facendo tante belle cose, e in tanti, sia in Italia che all’estero, se ne stanno accorgendo. Vorremmo entrare nell’elite del calcio europeo”.

– Su Real Madrid-Manchester United:

“Ho visto le partite di Champions. La volontà nostra è quella di essere protagonisti. Loro hanno squadre costruite per vincere da anni, a differenza nostra”.

– Sulla grinta mostrata in Champions:

“La Juve cerca di vincere tutte le competizioni da protagonista. Non ci sono due Juventus, una affamata e l’altra meno”.

– Sulle avances del Real Madrid e del Chelsea:

“Ne sono lusingato. Gli apprezzamenti fanno piacere sia a me che alla società. Vuol dire che stiamo facendo bene”.

Condividi
Twitter addicted, vive di calcio. In campo è convinto di essere Pirlo, ma in realtà è un Carrozzieri qualunque. Per lui il trequartista è una questione di principio. Email: fmariani@mondosportivo.it