Coppa d’Africa 2013: la Flop 11 di MP dopo le gare della fase a gironi

Dopo un’estenuante maratona durata ben 24 partite, la Coppa d’Africa 2013 si prende un paio di giorni di riposo; si tornerà in campo solamente sabato 2 febbraio, quando la sfida tra Ghana e Capo Verde inaugurerà il programma dei quarti di finale. Ne approfittiamo, dunque, per analizzare quella che è stata finora la competizione, iniziando col mettere sotto la lente d’ingrandimento coloro i quali sono stati i veri protagonisti del torneo, i calciatori.

Dopo la puntata dedicata alla Top 11 della competizione, in cui abbiamo presentato la nostra squadra ideale dopo la fase a gironi, ecco il Flop 11, la squadra in cui abbiamo inserito coloro che in un modo o nell’altro hanno deluso le aspettative della vigilia o semplicemente non hanno dato il contributo sperato.

Come ovvio che sia, se nella Top 11 hanno trovato spazio i calciatori delle selezioni qualificatesi per i quarti di finale, nella Flop 11 ecco una nutrita presenza di giocatori delle nazionali che sono state eliminate dopo le prime tre partite. Tra tutti l’attaccante dell’Angola e del Valladolid Manucho Gonçalves: sbarcato in Sudafrica con aspettative ben diverse, il numero 9 delle Palancas Negras ha deluso le aspettative, non realizzando nemmeno una rete e giocando un torneo sottotono come la sua squadra.

Stessa cosa per l’attaccante marocchino della Fiorentina Mounir mago di Kralingen” ha iniziato il torneo da titolare, finendolo in panchina; zero reti nel suo score, naufragato assieme ai Leoni dell’Atlante. Altra grande delusione del torneo l’algerino Feghouli, uscito ben presto dalla competizione assieme alle volpi del deserto; un bottino magro per il fantasista del Valencia dal quale ci si aspettava decisamente di più.

Ecco dunque la Flop 11 di MP dopo le gare della fase a gironi guidata dal tecnico bosniaco dell’Algeria Halilhodžić:

TOP 11 (3-4-3): M’Bolhi (Algeria);  Mohamed (Niger), Boussaidi (Tunisia),  Girma (Etiopia);  Chansa (Zambia), Hintsa (Etiopia), Lancina (Niger),  Feghouli (Algeria);  El Hamdaoui (Marocco),  Manucho (Angola), Katongo (Zambia). Allenatore: Halilhodžić (Algeria).

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.