FA Cup, 4/o turno: cuore Brentford, impresa Oldham, Leeds come ai vecchi tempi

Domenica di FA Cup, solo tre partite in programma per il quarto turno in corso, ma grande spettacolo e risultati a sorpresa. Il Chelsea riesce a strappare un pareggio a Griffin Park, contro un Brentford aggueritissimo, nel quale segna anche il giovane italiano Marcello Trotta. I Blues di Benitez riescono, però, a salvarsi e pareggiare nel finale con il redivivo Torres e il 2-2 finale forza il replayStamford Bridge, dove il Chelsea potrà sfruttare il fattore campo per cercare la qualificazione.

Due giant-killings piuttosto clamorosi, invece, nelle altre due sfide del pomeriggio. Il Leeds torna per 90 minuti ai fasti di una decina d’anni e fa esplodere Elland Road conquistando la qualificazione grazie alla vittoria per 2-1 contro il Tottenham. Gli Spurs pagano i troppi errori sotto porta e una fase difensiva non all’altezza in occasione dei due gol dei padroni di casa. Per il Leeds è una grande vittoria che li qualifica al quinto turno per la prima volta dal 2003.

Ultima sfida della domenica, a Boundary Park, dove l’Oldham Athletic compie l’impresa ed elimina il Liverpool, vincendo 3-2. Se il Leeds aveva una sola categoria di differenza rispetto al Tottenham, l’Oldham ne ha due, essendo squadra di League One, la terza serie professionistica inglese. La squadra dell’ex attaccante della Nazionale scozzese Paul Dickov, approfitta di alcuni gravi errori difensivi della retroguardia Reds e passa inizialmente sull’1-0 e sale poi sul 3-1, dopo il momentaneo pari di Suarez. Il Liverpool accorcia con Allen ma non completa la rimonta e per l’Oldham è un’impresa di enorme livello.

tutti i risultati delle gare giocate Sabato

Domenica
Leeds-Tottenham: 2-1 (15′ Varney (L), 50′ McCormack (L), 58′ Dempsey (T))
Oldham-Liverpool: 3-2 (3′ aut. Skrtel (O), 17′ Suarez (L), 45′ Smith (O), 48′ Wabara (O), 80′ Allen (L))

va al replay: Brentford-Chelsea: 2-2 (42′ Trotta (B), 55′ Oscar (C), 73′ rig. Forrester (B), 83′ Torres (C))

Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.