Inghilterra: Il Monday Night dice Fulham

Nel posticipo di Premier League, i Cottagers battono il Newcastle 2-1, grazie ai gol di Sidwell e Berbatov. Gara divertente e intensa, hanno forse vinto i più affamati. Passo indietro per gli ospiti, fermi a quota 17. Inutile, seppure bella, la rete di Ben Arfa al 54′.

SULLA LINEA. A Craven Cottage, si incontrano due squadre alla ricerca di punti. Ai Cottagers, 7 punti sopra la zona calda della Premier League, una vittoria farebbe comodo per la tranquillità, mentre il Newcastle, reduce dal passaggio del turno in Europa League,  vanta una classifica meno bella di quella del 2011-2012. Parte meglio la squadra di casa, nel freddo di Londra (3 gradi): pressing insistente e forza di volontà, poca brillantezza. C’è però l’intensità, in un incontro specchio di ciò che agli appassionati piace vedere nei Monday Night. Squadre compatte, errori di disimpegno sì, ma mai ci si risparmia: il Fulham passa, meritatamente, al 19′, da iniziativa sul settore di destra e tiro di Sidwell deviato da Williamson. L’ex Reading e Chelsea sblocca così un incontro dove ai Magpies serve andar sotto per reagire, nonostante Berbatov si divori una chance poco dopo. Riise e compagni reggono difensivamente, salvati due volte sulla linea da un Riether in formato Muraglia Cinese.

DECIDE IL COLOMBIANO. Nella ripresa, si va ben oltre l’abnegazione e il ritmo. Emozioni e reti colorano 45′ sempre pimpanti e di sicuro intrattenimento. Al 50′, Berbatov cerca il gol ma trova l’esterno della rete, da posizione defilata. Il bulgaro, in ogni caso, imbecca anche i compagni, fungendo da punto di riferimento offensivo: per poco Sidwell non sigla un’impronosticabile doppietta, su suggerimento proprio dell’ex United. Gol sbagliato, gol subito: al 9′ del secondo tempo, Ben Arfa illumina la scena, con un colpo di pura inventiva, a battere Schwarzer, complice anche una lievissima deviazione. Una perla tecnica, da parte di un calciatore importantissimo nei meccanismi di Pardew. Col passare dei minuti, le squadre pigiano ancora sull’acceleratore: spazi, corse e legni si susseguono e Rodallega, lasciato colpevolmente solo dalla retroguardia ospite, supera Krul e riporta avanti i suoi. Forse ci crede di più, il Fulham, nonostante un forcing costante e qualche occasione Magpies in una mezzora finale coerente col resto del match.

Andavo a cento all’ora, diceva una canzone: è presto riassunto un Monday Night dove s’è sbagliata qualche giocata di troppo ma ogni calciatore ha sudato le fatidiche sette camicie. Risultati del week-end alla mano, la classifica inizia ad essere preoccupante per il Newcastle, in evidente controtendenza rispetto alla stagione passata. Per il Fulham, invece, balzo importante e punti preziosi in cascina. Chiudiamo con due statistiche curiose: nessun ammonito e solo 3 inglesi nei 22 iniziali, segno dei tempi?

FULHAM-NEWCASTLE 2-1 (1-0)
Fulham
: Schwarzer, Riether, Hangeland, Hughes, Riise, Duff, Sidwell, Baird, Kacaniklic (62′ Dejagah), Berbatov, Rodallega (87′ Petric). A disp.: Etheridge. Richardson, Senderos, Karagounis, Diarra. All. Martin Jol
Newcastle: Krul, Simpson, Williamson, Coloccini, Santon, Gutierrez, Anita (87′ Marveaux), Tiote (86′ Bigirimana), Ben Arfa (70′ Ameobi), Ba, Cisse. A disp.: Harper, Ferguson, Tavernier, Perch. All. Alan Pardew
Arbitro: Lee Mason (Lancashire)
Marcatori: 19′ Sidwell, 54′ Ben Arfa (N), 63′ Rodallega
Note: Ammoniti: nessuno. Spettatori: 25.270

Condividi
Sardo classe 1987, ama il rugby, il calcio e i supplementari punto a punto. Già redattore di Isolabasket.it e della rivista cagliaritana Vulcano, si è laureato in Lettere con una tesi su Woody Allen. Email: mportoghese@mondosportivo.it