West Ham, un passo in più verso l’Olympic Stadium. Forse

Nella giornata di ieri, da Londra, è arrivata la conferma. Il comitato, presieduto dal sindaco londinese Boris Johnson, ha deciso all’unanimità che il West Ham è l’offerente preferito per l’utilizzo dell’Olympic Stadium e, dunque, può iniziare a pianificare le idee di progetto e la strategia per prenderne possesso.

Un duro colpo per i tifosi Hammers, ormai da tempo apertamente contro questa soluzione, che vedrebbe la squadra attualmente allenata da Sam Allardyce, abbandonare lo storico impianto di Upton Park – Boleyn Ground, casa della squadra dal 1904. Questo significherebbe anche un trasferimento di “luogo” che, anche se non particolarmente probante, porterebbe il West Ham in una zona molto meno “sua” e molto più vicina ad altri due Club londinesi, il Leyton Orient e il Tottenham.

Per certi versi, questa decisione mette (forse) fine a tutte le polemiche e le battaglie d’intenti proprio tra queste tre squadre, nell’interesse di accaparrarsi lo Stadio Olimpico. Per inciso, comunque, uno stadio che ha ben poco a che fare con il calcio e che, qualora dovesse essere usato in questa direzione, avrebbe bisogno di una serie di lavori non indifferenti per adattarlo alla funzione voluta e a un uso ottimale. Da questo momento, quindi, il West Ham ha campo libero per impostare il progetto di modifica mirato al trasferimento.

Resta, per ora, solo un ultimo punto interrogativo, o meglio due: quando e come. Un comunicato ufficiale sul sito degli Hammers (qui), dice chiaramente “questa nomina da parte del comitato non equivale alla nostra decisione ufficiale di trasferirci allo Stadio Olimpico”, ma prosegue poco dopo “il trasferimento avverrà solo se il progetto finale sarà favorevole al Club e alla visione che abbiamo nel voler perseguire questo obiettivo”, aggiungendo che questa possibilità permetterebbe alla società londinese di aumentare il proprio status all’interno del panorama calcistico inglese ed europeo e facendo addirittura già qualche paragone con lo stadio di Wembley.

Insomma, il West Ham non è ancora ufficialmente in procinto di abbandonare Upton Park ma, di certo, la macchina si è messa in moto e, a meno che i progetti non vengano bocciati in modo drastico, è solo questione di tempo. In questo, quantomeno, una certezza c’è: non succederà nulla prima della stagione 2016/2017. Quindi, come minimo, ancora per 4 anni gli Hammers giocheranno in uno degli impianti più belli d’Inghilterra. Poi, forse, anche loro si piegheranno alle logiche della speculazione applicata al calcio.

Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.