La Juventus trionfa contro il Chelsea, basta un punto per la qualificazione

Una straordinaria prestazione regala la vittoria ai bianconeri contro i campioni d’Europa. Quagliarella nel primo tempo e Vidal e Giovinco nel secondo, permettono alla Juventus di potersi qualificare con un solo punto da conquistare a Donetsk. Il Chelsea di Di Matteo invece si è dimostrato incapace di reagire e strutturato per difendersi, stavolta i soli talenti di Hazard e Oscar non sono bastati per risolvere la partita.


DEVIA QUAGLIARELLA, E STAVOLTA ENTRA –Di Matteo decide di schierare cinque difensori, anche se uno sulla linea di centrocampo, e questo gli garantisce una maggior copertura a difesa schierata, ma rende difficoltosa la fase di possesso dei suoi e facilita l’arrivo sulla trequarti di Pirlo e compagni. La Juventus invece viene schierata con i suoi titolarissimi da Carrera e entra nella partita con lo spirito giusto, senza cedere un metro e chiudendo le ripartenze dei due fenomeni Oscar e Hazard. Proprio grazie a questo atteggiamento bastano 4′ ai bianconeri per creare la prima occasione della partita con Lichsteiner che devia il traversone di Vucinic, ma Cech, con l’aiuto del legno, respinge in calcio d’angolo. I Blues continuano a giocare con la tattica che li ha contraddistinti in questi due anni, e non accennano la minima reazione ma bussano comunque alla porta di Buffon con Oscar, che al 10′ serve Hazard nell’uno contro uno dopo una serpentina con cui scarta l’intera difesa avversaria, ma il portiere della Nazionale salva con una prodezza in calcio d’angolo. Il ritmo nei minuti successivi si abbassa: i bianconeri rifiatano e allentano la pressione, mentre il Chelsea non accenna ad alzare il proprio baricentro, continuando a far partire l’azione dalle retrovie. E proprio nel momento in cui la partita sembra addormentarsi a colpire è Quagliarella, che mette lo zampino sul tiro dalla distanza di Pirlo e porta in vantaggio la Juve al 38′. La partita a questo punto si fa ancora più travolgente e in appena un minuto entrambe le formazioni hanno due grandi occasioni: prima Cole salva sulla linea un tiro derivato da una confusa azione bianconera, poi il Chelsea riparte e Buffon recupera il pallone e scongiura il pericolo solo grazie all’incertezza di Mata

VIDAL E GIOVINCO: PROMOZIONE PER I BIANCONERI PIÙ VICINA – Anche nei secondi 45′  la linea della partita è la stessa: Juventus che domina il campo col suo possesso palla e Blues che si limitano a chiudersi e ripartire, nel tentativo di trovare il pareggio. Ad aver la maggioranza delle chance davanti alla porta sono senz’altro i padroni di casa, tra cui spicca un episodio dubbio in area di rigore al 50′, con Vucinic che cade a stretto contatto con Cahill. Gli uomini di Carrera comunque non si scoraggiano e continuano a spingere, consapevoli che serve almeno un doppio vantaggio per essere sicuri di portare a casa i tre punti contro il Chelsea. Le occasioni non mancano e anche lo stesso Quagliarella si trova in posizione per fare doppietta, solo davanti al portiere da posizione defilata al 59′, ma colpisce l’esterno della rete. Sembra quindi la fotocopia del primo tempo: Juventus che spinge ma non trova la rete; a rassicurare i tifosi è Vidal, che al 61′ buca con una conclusione dal limite Cech, decisiva la deviazione di Ramires e 2-0. A questo punto Di Matteo è costretto a scoprirsi e fa entrare Torres per Mikel, che è il quinto uomo d’attacco in campo dei Blues, assieme a Moses entrato appena prima del gol del cileno, al posto di Azpilicueta. I campioni d’Italia sono costretti a resistere all’assedio chiudendosi in difesa, limitandosi a prendere tempo con possesso palla nella metà campo avversaria e contropiedi. Nonostante i numerosi attaccanti in campo, i londinesi hanno difficoltà nel trovare spazi e sbagliano spesso l’ultimo passaggio, con Torres ben lontano dalla sua forma ottimale e la coppia OscarHazard ormai stanca. La Juventus invece è consapevole della posta in gioco e non molla un metro, conquistando ogni palla incerta giocata dagli inglesi, ed è sull’ennesimo pallone riconquistato da Vidal, che Giovinco viene lanciato in velocità solo davanti alla porta, e chiude i giochi allo Juventus Stadium all’89’, regalando un’enorme gioia ai tifosi e ribadendosi come calciatore degno anche della Champions.

JUVENTUS-CHELSEA 3-0 (1-0)

Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichsteiner (68′ Càceres), Vidal, Pirlo, Marchisio, Asamoah; Vucinic (83′ Giovinco), Quagliarella (89′ Pogba). A disp.: Storari, Càceres, Pogba, Matri, Giovinco, Giaccherini. All.: Carrera. 
Chelsea (4-2-3-1): Cech; Ivanovic, Cahill, David Luiz, Cole; Ramires, Mikel (71′ Torres); Azpilicueta (60′ Moses), Oscar, Hazard; Mata. A disp.: Torres, Turnbull, Moses, Bertrand, Marin, Romeu, Piazòn. All.: Di Matteo.
Marcatori: 38′ Quagliarella (J), 61′ Vidal (J), 89′ Giovinco (J).
Note: Ammoniti: 40′ Bonucci (J), 76′ Ramires (C), 86′ Marchisio (J).

Per le pagelle di MP.it cliccate qui.

Condividi
Nasce il 29 giugno 1994, giusto in tempo per "vedere" la Juventus vincere il suo 23° titolo. Ha collaborato con il quotidiano locale Il Tirreno e segue calcio, tennis e vela quando possibile.