Pogba beffa il Bologna e la Juve raccoglie i tre punti

La marcia bianconera verso il record del Milan di Capello prosegue senza battute d’arresto. Match sofferto contro il ben organizzato Bologna che cede solo in pieno recupero al colpo di testa del brillante francese Pogba, il Balotelli transalpino. Una vittoria non facile dopo i veleni di Catania; un successo con una dedica particolare ad Angelo Alessio, colpito dalla scomparsa dello zio. Ora c’è il derby d’Italia ad attendere i bianconeri.

Il Bologna è un muro invalicabile La Juventus si presenta davanti ai suoi tifosi con una coppia inedita: QuagliarellaBendtner. I due, però, faticano contro la blindata difesa bolognese e sul delizioso assist di Isla, in una delle poche sbavature ospiti, si fanno trovare in ritardo all’appuntamento con il gol. Bendtner prova ad abbassare il proprio gioco per raccogliere qualche pallone e tentare la sortita indiviuale, Quagliarella, invece, cerca di proporsi come sponda per gli inserimenti dei compagni. Non delude Pogba, la novità del centrocampo juventino. Il francese colpisce un palo con un sinistro velenoso, lotta su ogni pallone e ne recupera tanti come quello a Morleo dopo un insistito inseguimento. Il Bologna, orfano dello squalificato Diamanti, sceglie un atteggiamento di gioco attento e poco spregiudicato, resiste nel quarto d’ora inizia, poi inizia timidamente a farsi vedere dopo la mezzora con l’esterno rete di Gabbiadini e un gol annullato per un netto fallo di mano di Gilardino.

Pogba in zona Cesarini Il risultato si sblocca al 53′: il tocco morbido di Pogba legge bene l’inserimento di Giaccherini; sponda di testa dell’ex Cesena a smarcare in area Quagliarella per il facile gol del vantaggio bianconero. L’attaccante ha anche la possibilità di raddoppiare sull’ottimo suggerimento di Bendtner, ma Agliardi stavolta si oppone bene. La Juve non riesce a chiudere la gara nei favorevoli minuti successivi al gol; il Bologna cerca di non farsi prendere dal nervosismo, ragiona e trova il pareggio grazie a un regalo di De Ceglie che serve erroneamente Taider. Il calciatore rossoblu conclusione verso il secondo palo e la gara torna in parità. Spazio allora ai cambi in casa juventina per riprendere un incontro che rischia di scivolare via. Alessio mette in campo Giovinco, Asamoah e Vucinic per dare freschezza al proprio attacco. Il finale è spumeggiante. Juve all’attacco per sfondare il muro rossoblu, mentre il Bologna prova a offendere in contropiede con i larghi spazi concessi dalla difesa avversaria. Al 92′, quando la partita sembra ormai destinata al pareggio, Giovinco mette dentro un pallone disperato e Pogba, uno dei migliori in campo, lo devia in reta per il gol della vittoria che beffa il Bologna di Pioli.

JUVENTUS-BOLOGNA 2-1 (0-0)

Juventus (3-5-2):Buffon, Caceres, Bonucci, Barzagli, De Ceglie (73′ Asamoah), Giaccherini, Pirlo, Pogba, Isla (75′ Vucinic), Quagliarella (71′ Giovinco), Bendtner. A disposizione: Storari, Rubinho, Marrone, Lucio, Lichtsteiner, Chiellini, Padoin, Pepe, Matri. All:Alessio.
Bologna (3-4-1-2): Agliardi, Cherubin, Antonsson, Sorensen, Morleo, Kone, Pazienza (65′ Khrin), Motta (65′ Pulzetti), Taider, Gabbiadini (88′ Paponi), Gilardino. A disposizione: Lombardi, Stojanovic, Carvalho, Garics, Abero, Radakovic, Guarente, Riverola, Pasquato. All. Pioli.
Arbitro: Andrea Romeo di Verona
Marcatori: 53′ Quagliarella (J), 70′ Taider (B), 91′ Pogba (J)
Note: Ammoniti: Pirlo (J), Pazienza, Motta, Pulzetti (B)

Condividi
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal. Email: emodugno@mondosportivo.it