Allegri: “I ragazzi stanno dando il massimo”. E sugli arbitri glissa

Nella conferenza stampa pre-Palermo, Massimiliano Allegri ha risposto alle domande dei giornalisti. La vittoria contro il Genoa è stata importante per ripartire, ma la necessità ora è di dare continuità vincendo al Barbera. “Il Palermo sta giocando bene e noi per fare il salto di qualità dobbiamo migliorare la fase offensiva negli ultimi 30 metri. Ma non parliamo di partita della svolta. Prendiamoci la vittoria e continuiamo a risalire in classifica, perchè abbiamo pochi punti.” Chiarissimo Allegri su chi mette in dubbio il gioco del Milan: “Dobbiamo continuare a subire poco dietro e migliorare la fase offensiva. Quando lo faremo, ingraneremo. Anche perchè se l’avversario si chiude come il Genoa è difficile trovare il varco giusto. Sabato, lo ripeto, abbiamo giocato una buona partita; i ragazzi stanno dando il massimo in campo e negli allenamenti, per quelle che sono le loro qualità“.

FORMAZIONE- Non fa pretattica Allegri, soddisfacendo tutte le curiosità di formazione: “Domani Pazzini andrà ancora in panchina, perchè sarà titolare Pato, che ha fatto una buona gara e deve ritrovare il ritmo partita“. E lo può fare solo giocando, a fianco a lui ancora Emanuelson ed El Shaarawy: “Emanuelson ha fatto bene, come El Shaarawy. Stephan può crescere ancora moltissimo sul piano mentale, ma anche tecnico. Arriverà il momento in cui avrà bisogno di riposare, ma non è ora: d’altronde ha 20 anni. Sarebbe esploso comunque anche con Ibrahimovic. E’ riduttivo dire che è migliorato solo per l’assenza di Ibra“. Poi una panoramica sui dubbi di formazione: “Il portiere domani sarà ancora Amelia, ma dalla prossima Abbiati sarà totalmente disponibile (dalle parole non trapela chi sarà il nuovo titolare fisso, ndr). Mexes tornerà in campo e, lo dico chiaramente come l’ho detto a lui, contro il Genoa non ha giocato perchè arrivato 10 minuti tardi all’allenamento. Tra Ambrosini e De Jong non ho ancora deciso. Muntari torna tra i convocati, ma non giocherà dall’inizio. Il suo inserimento sarà graduale. Boateng non ce la fa“.

CHAMPIONS’ E ARBITRI- L’analisi del momento Milan del tecnico è chiara: “Palermo sarà una trasferta in cui dovremo dare continuità di risultati. In Champions’ è un pò diverso: contro il Malaga ci giochiamo gran parte della qualificazione. Se la squadra continua a dare il massimo in campo come Sabato, sono fiducioso“. Infine sulla giornata disastrosa degli arbitri, Allegri tronca il discorso sul nascere: “Non parlo di arbitri, perchè non è la mia priorità, e non lo è mai stata“. Tra le risate e i mormorii, giustificati, della sala stampa. Tutti ricordiamo, infatti, lo sfogo post-derby sull’operato arbitrale. Ma capiamo il buon Max: i problemi del Milan sono tanti al momento; non c’è tempo, perciò, per pensare a quelli degli altri.

Condividi
Nato a Roma nel 1986, laureato in Management delle Imprese Sportive. Nella vita un solo obiettivo: raccontare lo sport; il calcio in particolare. Attualmente collaboratore di bettingisland.it e tuttochampions.it. Email: sgiovampietro@mondosportivo.it