La Serie A che torna… il Palermo

Continua il nostro tour tra le squadre di Serie A. Ogni giorno vi presentiamo 2 squadre con tutte le informazioni: i punti di forza, i punti deboli, le stelle, le probabili formazioni e gli allenatori. Oggi è il turno del Palermo di Giuseppe Sannino.

Maurizio Zamparini ha superato a luglio la soglia del decimo anno alla guida del club rosanero. Uno dei presidenti più irruenti del nostro campionato ha scelto quest’anno di affidare la squadra a Sannino con la speranza di riportare il Palermo tra le prime dieci posizioni. Intanto nella città siciliana si pensa in grande con l’idea di uno stadio di proprietà e le possibilità di un probabile ingresso arabo nella dirigenza.

LA DIFESA: voto 6 – La retroguardia è stato uno dei punti deboli del Palermo nelle ultime stagioni. Rilevanti le partenze di Silvestre e soprattutto di Balzaretti, un terzino capace di dare un grande apporto in fase offensiva. In porta ci sarà Ujkani dopo la parentesi non proprio felice a Novara. Dal club piemonteseè arrivato lo svizzero Morganella che alle recenti Olimpiadi di Londra si è messo in luce in modo negativo per un tweet razzista contro la Corea del Sud.

IL CENTROCAMPO: voto 6,5 – E’ a centrocampo che si registrano i movimenti più interessanti dei rosanero a partire da Brienza che ha scelto di trasferirsi da Siena per seguire Sannino; il suo è praticamente un ritorno. Sono partiti Bacinovic, Alvarez e Acquah, mentre è stato confermato Ilicic, un potenziale pericolo per gli avversari con i suoi tiri dalla distanza. C’è molto interesse attorno a Viola, proveniente dal settore giovanile della Reggina, una scommessa per la dirigenza siciliana. Intanto alla rosa si è aggregato anche Von Bergen.

L’ATTACCO: voto 6,5 – Partito Pinilla, le redini dell’attacco spettano a Miccoli e Dybala. Il primo è ormai una bandiera al “Barbera” ma i suoi continui infortuni potrebbero costringerlo Sannino a limitare il suo utilizzo in campionato. Dybala, invece, è un’altra scommessafortemente voluta da Zamparini. In alternativa ci sono sempre Hernandez e Budan.

LA STELLA

Fabrizio Miccoli: Il capitano si prepara a vivere la sua sesta avventura in terra siciliana. Nonostante il Romario del Salento abbia raggiunto le 33 primavere, il suo apporto e la sua esperienza in attacco restano ancora fondamentali per il club rosanero. L’unico dubbio riguarda la forma fisica del giocatore che nelle ultime stagioni lo ha obbligato a saltare qualche partita di troppo.

L’ALLENATORE

Giuseppe Sannino: Qualche anno fa il suo motto “fan cool” esaltò Varese e lo portò a un passo dalla promozione in A. Il suo campionato sulla panchina biancorossa, però, non passò inosservato e si guadagnò la massima serie alla guida del Siena della coppia Calaiò-Destro. Ora per lui c’è la prova più difficile, il test “Zamparini”, uno che esonera gli allenatori auna velocità tale da far invidia a Usain Bolt. Per questo la prima domanda che si pongono gli addetti ai lavori è “Sannino arriverà al panettone?”.

PROBABILE FORMAZIONE

VOTO ALLA SQUADRA: 6+

Il Palermo riparte da Sannino con qualche dubbio e tante scommesse con un mix di esperienze e nuovi innesti giovani. Riuscirà il tecnico di Ottaviano a compiacere Zamparini e portare il Palermo nella top 10 dell’elite italiana? Le prime giornate saranno sicuramente indicative su quello che potrebbe essere il futuro del club siciliano.

Condividi
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal.