Infinito Federer, Cincinnati è ancora suo

Un Federer staordinario doma con autorità un falloso Djokovic e conquista il suo quinto titolo sul cemento dell’Ohio, il 21esimo master 1000 in carriera, come Rafael Nadal. Ancora a secco in questo torneo invece il serbo, finalista anche lo scorso anno.

Il primo set dura venti minuti ed è una lezione di tennis impartita dal numero uno del mondo al suo primo inseguitore nel ranking. Djokovic commette uno o più doppi falli in ogni game di battuta e chiude il parziale con soltanto 10 punti all’attivo, contro i 25 dell’avversario: l’ovetto, il primo tra i due, è l’epilogo normale di un set ma iniziato per il serbo.

Nel secondo set, seppur a fatica, Djokovic riesce a fare meno errori e a tenere il passo dell’elvetico, che è costretto a chiudere la contesa soltanto al tie break, dopo aver salvato un pericoloso set point.

Roger Federer si accinge a partire come favorito numero uno a Flushing Meadows, anche se lo condizioni saranno diverse ed in corsa ci sarà pure Andy Murray, ancora alla ricerca del primo titolo Major.

Nella finale femminile invece la tedesca Kerber cade proprio sul più e lascia strada alla cinese Na Li, finalista sette giorni fa a Montreal e campionessa a Cincinnati: sarà una delle concorrenti per il titolo anche a New York?

 

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it