Loew: “I tempi sono maturi per battere l’Italia”

In Germania questa partita è attesa da 6 anni, e questo è ormai noto. C’è un’attesa spasmodica in terra teutonica per un match che può, finalmente, pareggiare i conti con la bestia nera calcistica, quell’Italia tanto detestata che nel 2006 infranse a domicilio i sogni di gloria tedeschi.

Questa sembra davvero l’occasione giusta, per tanti motivi. Primo fra tutti, il più ovvio, è semplicemente che la squadra delle aquile è la più forte di tutte in questo torneo, è la grande favorita, ancor più dell’onnipresente campione di tutto. Ha il miglior attacco dell’europeo (9 gol fatti), viene da 15 vittorie consecutive in gare ufficiali, due giorni e 30 minuti di riposo in più rispetto ai ragazzi di Prandelli e, soprattutto, ha fame di vendetta.

Le parole del ct Joachim Loew sembrano confermare il sentimento di rivalsa: “I tempi sono maturi perchè la Germania si tolga ogni complesso rispetto all’Italia e riesca a battere gli azzurri. Contro gli italiani siamo sempre stati in difficoltà, ma questa volta le cose andranno diversamente“.

C’è comunque, oltre a un tentativo di mescolare le carte in gioco, grande rispetto per gli avversari, soprattutto per il collega Prandelli: “Hanno giocato bene e contro gli inglesi hanno chiaramente dominato: non ho avuto l’impressione di una loro stanchezza. Hanno quattro giorni di tempo per recuperare, dovrebbero bastare, per questo non vedo noi in un chiaro ruolo di favoriti. Il ct azzurro? E’ riuscito con successo ad inserire diversi giocatori giovani, con il risultato che l’Italia ha adesso una squadra molto omogenea con una difesa tradizionalmente buona, ma questa volta anche con gente forte in attacco“.

Condividi
Vive a Formia (Latina) e studia Scienze della comunicazione a Roma. Collabora, oltre che con Mondopallone.it, con Calciomercato.it e con seriebnews.com.