“Sono onesto, non merito l’Europeo”

Il terribile infortunio alla tibia rimediato al Mondiale per Club è stato decisivo per le sorti di David Villa, attaccante del Barcellona e della Nazionale spagnola, che non è riuscito a recuperare in tempo per gli Europei.

Sarà ovviamente uno dei grandi assenti della rassegna continentale. Ma “El Guaje” ha confessato che è stato proprio lui a chiamare il cittì iberico, Vicente Del Bosque, per dirgli di non convocarlo per la competizione in Polonia ed Ucraina: “Ho lavorato per la mia strada e ho aspettato fino all’ultimo minuto per vedere cosa dicessero i miei sentimenti. Ma pochi giorni prima ho confessato a Del Bosque che non ero a un buon livello per la competizione – sono le parole oneste di David Villa – che non meritavo la nazionale, che non si sarebbe visto il Villa migliore. Sono stato onesto e sincero con me stesso, con il Barcellona e con la nazionale“.

Il centravanti ex Valencia ha poi analizzato l’Europeo della sua Spagna: “La nazionale non sentirà la mia mancanza. Ci sono grandi marcatori e chiunque può segnare. Per Torres provo un amore immenso e adesso dopo aver sofferto ingiustamente è in gran forma. Parlo ogni giorno con i miei compagni e sanno di avere il mio sostegno anche se mi mancano – conclude Villa – Abbiamo guadagnato il diritto di essere i favoriti, dopo quattro anni di successi, ma quando inizia il campionato tutte le squadre hanno pari opportunità“.

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it