Deludente Barça, il Chelsea ne approfitta: 1-0 a Londra

Allo Stamford Bridge ha la meglio il Chelsea. La squadra londinese piega il Barcellona delle stelle realizzando il gol decisivo con Drogba nei minuti di recupero del primo tempo, riuscendo poi ad amministrare il vantaggio nella ripresa.

La gara d’andata della semifinale di Champions League viene vinta dai padroni di casa del Chelsea. La formazione di Di Matteo interpreta al meglio una sfida sulla carta difficile e tra le mura amiche mette al tappeto il Barcellona Campione del Mondo e d’Europa in carica, che questa volta si dimostra troppo svagato e poco concreto. Rete realizzata agli sgoccioli del primo tempo da parte di  Drogba, ancora una volta uomo decisivo dei Blues.

FORMAZIONI. Il tecnico della formazione casalinga Di Matteo sceglie di schierare un 4-2-3-1 più coperto rispetto al 4-3-3 classico attuato dai londinesi, mandando in campo la coppia difensiva Terry-Cahill (al posto dell’indisponibile David Luiz), mediana affidata a Lampard e Mikel dietro al trio formato da Ramires, Mata e Meireles. Drogba unica punta.

Dalla parte dei catalani, Guardiola schiera il solito Barcellona a trazione anteriore con un 4-3-3 che durante la gara si tramuta spesso in uno spregiudicato 4-2-4, con Iniesta e Fabregas pronti a sovrapporsi spesso in fase offensiva oltre Messi e Sanchez. In cabina di regia la colonna portante Xavi è affiancata da Busquets e completano la linea difensiva Dani Alves, Adriano, Mascherano e capitan Puyol.

AVVIO CON IL FRENO A MANO TIRATO. L’avvio del match si mantiene su ritmi per lo più blandi, con il Chelsea comunque pronto a ripartire in velocità con un Drogba in formato pantera pronta a mostrare gli artigli. Il Barcellona, invece, punta a far circolare palla quasi a dar vita ad un torello e senza cercare troppo la profondità.

MONOLOGO BLAUGRANA. I catalani, però, non si fanno pregare e quando decidono di mettere il piede sull’acceleratore danno il via alle danze. All’8, infatti, un gran suggerimento di Iniesta pesca Sanchez sul filo del fuorigioco, ma l’ex Udinese davanti a Cech sceglie un pallonetto che cade sulla traversa. Il ritmo partita, comunque, è piuttosto discontinuo, con una manovra lenta che si alterna a fiammate a tinte blaugrana. E proprio in una di questi acuti dei catalani, Fabregas ha tra i piedi un prezioso pallone ribattuto maldestramente da Cech su un precedente tiro di Iniesta, ma il centrocampista ex Arsenal svirgola la palla da due passi.

La formazione di Guardiola, imprecisa e poco cinica, non manca però di insistere nella sua manovra offensiva e tiene molto alto il baricentro non lasciando di fatto modo ai Blues di ripartire. Le incursioni di un ispiratissimo Iniesta, le folate di Messi e l’iniziativa di Fabregas mettono a dura prova la retroguardia londinese, con Cech che al 27’ blocca un preciso colpo di testa di Messi confezionato dalla destra da Sanchez.

RISVEGLIO CHELSEA E BARCELLONA BEFFATO NEL RECUPERO. Andando verso il finale del primo tempo, però, gli uomini di Di Matteo provano ad uscire dalla loro metà campo. Inizialmente sembra che facciano fatica nel loro intento, soprattutto quando al 38’ il Barcellona spreca l’ennesima occasione per sbloccare il risultato: grande prova di Messi, che ruba palla a metà campo e verticalizza verso Fabregas che in area tenta il colpo di esterno destro riuscendo a scavalcare Cech, ma Ashley Cole ripiega con tempismo salvando il pallone quasi sulla riga di porta. Alla fine dei due minuti di recupero, però, i padroni di casa trovano una splendida rete dopo un’azione magistrale partita da Lampard, che dalle retrovie innesca Ramires sulla corsia mancina. L’esterno brasiliano penetra in area e serve un cross rasoterra teso che Drogba ribadisce in rete con un piattone sinistro. Chelsea quindi in vantaggio agli sgoccioli della prima frazione, grazie ad un gol che sa di beffa per la compagine catalana, sempre presente con le sue azioni in velocità e protagonista come sempre di uno sfiancante possesso palla, ma colpevolmente superficiale e imprecisa in fase di finalizzazione.

SECONDO TEMPO. Nella ripresa gli ospiti blaugrana tentano di dare una svolta al match e ancora una volta mettono alla prova Cech con un destro dal limite ben calibrato da Adriano, che l’estremo difensore dei Blues riesce a intercettare. Continua, però, la scia offensiva del Barca con Fabregas che vede l’inserimento di Sanchez in area e lo serve con un elegante pallonetto, ma la conclusione del cileno termina a lato di pochi centimetri.

MURO DEL CHELSEA. Come era facile presupporre è sempre il Barcellona a condurre la gara, contro un Chelsea che si difende con tutti gli effettivi dietro la linea della palla. Occasioni nitide per i catalani, però, scarseggiano alquanto, con gli uomini di Di Matteo che di fatto riescono a mantenere sempre il controllo della situazione. Guardiola prova a scuotere i suoi con la girandola delle sostituzioni, dando al suo schema offensivo un’ulteriore carica in avanti con l’innesto di Pedro al posto di un poco cattivo Sanchez e Cuenca per Xavi. Ma la retroguardia inglese continua a reggere. Solo negli ultimi minuti del match si vivono momenti concitati. Prima la punizione di Messi all’87’ deviata pericolosamente da Puyol di testa, ma che trova un super Cech che in allungo salva in calcio d’angolo. In pieno recupero, poi, azione d’assalto dei blaugrana che trovano la conclusione in porta con Pedro, ma il pallone si stampa sul palo. Ultimo acuto del match, questo. Una serata del tutto sfavorevole per gli uomini di Guardiola che, forse distratti dall’imminente Derby di Liga contro il Real Madrid, non è riuscito a metterci la giusta concentrazione per far male ai Blues. Gli uomini di Di Matteo, da parte loro, possono gioire sì per un risultato guadagnato con cinismo e sudore, ma la gara di ritorno al Camp Nou sarà, molto probabilmente, tutta un’altra storia.

 

TABELLINO

CHELSEA-BARCELLONA 1-0

Chelsea (4-2-3-1): Cech; Ivanovic, Cahill, Terry, Cole; Mikel, Meireles, Lampard, Mata (27′ st Kalou), Drogba, Ramires. A disp.: Turnbull, Bosingwa, Essien, Sturridge, Malouda, Torres. All.: Di Matteo.
Barcellona (4-3-3): Valdes; Dani Alves, Mascherano, Puyol, Adriano; Xavi (42′ st Cuenca), Busquets, Iniesta; Sanchez (21′ st Pedro), Messi, Fabregas (34′ st Thiago Alcantara). A disp.: Pinto, Piqué, Bartra, Keita. All.: Guardiola.
Arbitro: Brych (Ger).
Marcatori: 47′ Drogba.
Ammoniti: Ramires, Drogba (C), Pedro, Busquets (B).
Espulsi: nessuno.

Condividi
Nato a Catania il 10 giugno 1987, si è laureato in Scienze della Comunicazione a Bergamo, dove ha cominciato l’attività pubblicistica collaborando con Bergamo&Sport, Bergamosportnews.it e Itasportpress.it. Segue con passione il calcio a tutti i livelli.