Champions League, quarti di finale: tris del Real a Nicosia. Il Chelsea passa in casa del Benfica

Nell’andata dei quarti di finale della Uefa Champions League, il Real Madrid di Josè Mourinho e il Chelsea di Roberto Di Matteo ipotecano il passaggio in semifinale vincendo entrambe rispettivamente contro Apoel Nicosia e Benfica. I bianchi di Spagna, dopo un’ora e un quarto di difficoltà, prendono il largo con la doppietta di Benzema e la rete di Ricardo Kakà per il definitivo 3-0. Al “Da Luz”, invece, il Chelsea vince 1-0 grazie ad una rete di Salomon Kalou al 75′ dando così continuità ai risultati ottenuti subito dopo l’esonero di Andrè Villas-Boas.

Apoel Nicosia-Real Madrid – Al “Neo GSP” si affrontano la cenerentola di questa competizione e la tradizione europea per eccellenza, il Real di Mourinho. Sergio Ramos & co. cominciano con il piede pigiato sull’acceleratore ma per gli spagnoli è molto difficile potre trovare il guizzo vincente per battere Chiotis. Il possesso palla è totalmente in favore degli ospiti che si infrangono più volte sul muro difensivo eretto da Ivan Jovanovic. Prima occasione di gioco all’11’ con Mesut Ozil che tenta il destro al volo dall’altezza del dischetto, ma trova sulla sua traiettoria uno straordinario Chiotis. Al 30′ Karim Benzema fallisce il gol del vantaggio divorandosi una colossale occasione a porta completamente sguarnita e l’Apoel sembra intravedere il traguardo dello storico pareggio.

A lungo andare, però, vengono meno le forze ai ciprioti che esattamente al 74′ incassano la rete del vantaggio che porta la firma di Karim Benzema, bravo a deviare di testa in rete il perfetto assist di Ricardo Kakà. Lo stesso brasiliano ex Milan, poco più tardi all’82’, sfrutta una strepitosa azione solitaria sulla sinistra di Marcelo e con il piatto destro batte Chiotis per il 2-0. L’Apoel scompare definitivamente dal campo di gioco, rischia l’imbarcata più volte, ma il Real si ferma sul 3-0, siglato ancora una volta da Benzema, che sigla il suo settimo gol su nove presenze in Champions League e chiude, di fatto, la pratica quarti di finale.

APOEL NICOSIA – REAL MADRID 0-3

Apoel Nicosia: Chiotis, Poursaitidis, Oliveira (13′ Kakà), Paulo Jorge, Boaventura, Nuno Morai, Helio Pinto (72′ Solari), Charalambidis, Alexandrou (46′ Helder Sousa), Trickovski, Ailton. A disp.: Urko, Adorno, Marcinho, Solomou. All.: Ivan Jovanovic.
Real Madrid: Casillas, Arbeloa, Sergio Ramos, Pepe, Fabio Coentrao (62′ Marcelo), Khedira, Sahin (84′ Granero), Benzema, Ozil, C. Ronaldo, Higuain (62′ Kakà). A disp.: Adan, Varane, Raul Albiol, Granero, Haltintop. All.: José Mourinho.
Arbitro: Brych (Germania)
Marcatori: 74′ e 90′ Benzema, 82′ Kakà.

Benfica-Chelsea – Il Chelsea è guarito, il Chelsea è tornato quello di un tempo. La cura Di Matteo funziona e i Blues, anche questa sera, tengono l’urto del Benfica davanti al muro rosso del Da Luz e si aggiudicano un match molto importante in vista della sfida di ritorno.

Un Chelsea quadrato e spietato nelle ripartenze supera un Benfica voglioso e convinto, forse troppo, di portare a casa il risultato. Al 18′ la prima palla gol della partita sul sinistro di Oscar Cardozo che arpiona in area ma non è preciso nella conclusione. Risposta degli inglesi al 40′ con Raul Meireles, gran botta dalla lunga distanza che costringe Arthur all’intervento miracoloso in calcio d’angolo. Le “Aguias” ci credono e nella ripresa tornano sul terreno di gioco mettendo grande pressione alla retroguardia del Chelsea: al 47′ l’occasione più importante del match per gli uomini di Jorge Jesus con Cardozo che, in mischia, calcia in porta, Cech è battuto ma sulla linea c’è il petto di David Luiz che salva il risultato. La pressione dei portoghesi dura diversi minuti ma nel momento migliore del Benfica, il Chelsea colpisce al cuore la squadra di Lisbona. Al 61′ il palo di Mata fa tremare Arthur poi, in contropiede al 75′, il vantaggio inglese. Un ottimo Torres vola via sul settore di destra, palla liftata per Kalou che in scivolata mette dentro l’1-0.

Il forcing finale dei biancorossi non sortisce più alcun effetto se non qualche mischia furibonda dalle parti di Cech ma dopo 5′ di recupero Tagliavento fischia la fine, grande soddisfazione per Roberto Di Matteo, il vero artefice di questa rinascita dei Blues.

BENFICA – CHELSEA 0-1

Benfica: Arthur, Maxi Pereira, Luisao, Jardel, Emerson, Javi Garcia (81′ Nolito), Gaitan, Witsel, Bruno Cesar (69′ Rodrigo), Aimar (69′ Matic), Cardozo. A disp.: Eduardo, Miguel Vitor, Nelson Oliveira, Saviola. All.: Jorge Jesus.
Chelsea:  Cech, Paulo Ferreira (80′ Bosingwa), David Luiz, Terry, Cole, Ramires, Obi Mikel, Raul Meireles (68′ Lampard), Kalou (84′ Sturridge), Torres, Mata. A disp.: Turnbull, Cahill, Essien, Drogba. All.: Roberto Di Matteo.
Arbitro: Tagliavento (Italia)
Marcatori: 75′ Kalou.
Note: Ammoniti Bruno Cesar, Luisao, Javi Garcia (R), Raul Meireles (C).

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it