Ibra e il padel: “Godo quando gioco”

-

È arrivato mentre in campo andavano in scena le semifinali e per un’ora è diventato l’altro protagonista di Milano Premier Padel P1. Zlatan Ibrahimovic è spuntato all’Allianz Cloud in un pomeriggio di grande padel, salutando giocatori e concedendosi per autografi e selfie, compreso quello con Alejandro Galan che aveva appena vinto la sua partita contro Navarro e Chingotto.
Sono qui perché godo quando gioco a padel, è uno sport che mi piace tanto“, dice Ibra dopo aver ricevuto l’applauso e i cori degli spettatori in tribuna. “Sono da tanto tempo un appassionato, per questo otto anni fa ho iniziato a giocare e ad aprire centri sportivi dedicati. Voglio dare a tutti l’opportunità di provare il padel e di goderne“, prosegue.
Ibra spiega poi una delle ragioni per cui la magia del padel si diffonde rapidamente: “E’ uno sport che cresce velocemente, è divertente, non c’è bisogno di essere professionisti e non c’è neanche bisogno di essere bravi. In questo il tennis è un po’ troppo difficile: se non riesci a giocare non è facile apprezzarlo, mentre a padel ci si diverte anche se non si è bravi“. Al pari di Zlatan, tanti altri calciatori si cimentano tutti i giorni con la “pala”, spesso con ottimi risultati. È quindi vero che chi ha giocato a calcio ad alti livelli è più avvantaggiato a giocare a padel? Ibra scherza: “La palla sul vetro e riesco a giocarla, questo sì. Ma mi manca la tecnica, vado più di fisico; però ci sto lavorando“. Poi, una passeggiata sul campo dell’Allianz Cloud con il presidente dell’ International Padel Federation Luigi Carraro, le foto di rito con lo stesso Carraro e con il suo ex presidente al Psg e numero uno di Premier Padel Nasser Al Khelaifi, con il quale si è intrattenuto all’insegna del sorriso e di quattro chiacchiere. Infine, tutti insieme in tribuna autorità a guardare la super semifinale tra Coello-Tapia e Stupaczuk-Di Nenno.
Rodella Alessandro
Rodella Alessandro
Nato a Brescia nel marzo del 1992, ama lo sport in generale, soprattutto calcio, tennis e motori. Pratica i primi due a livello amatoriale senza grandi risultati. Appena può, ama seguire gli sport "dal vivo".

MondoPallone Racconta… Auguri, Maestro della “Cuauhteminha”

Oggi compie 40 anni un personaggio del calcio mondiale che divenne famoso tre lustri fa al Mondiale francese. È il messicano Cuauhtémoc Blanco, che...
error: Content is protected !!