Australia 2023 – Il riepilogo della dodicesima giornata

-

Ieri si sono giocate le gare della dodicesima giornata dei Mondiali Femminili 2023 di Australia e Nuova Zelanda con il verdetto delle squadre del Gruppo B e C qualificate agli ottavi di finale.

La prima gara ha visto di fronte Giappone e Spagna per decidere la testa del girone e la sfida è andata alla Nadeshiko: le giapponesi infatti si sono imposte con un 4-0 senza diritto di replica contro una delle nazionali che era sembrata più in forma tra le altre e questo grazie ad una prestazione superlativa dell’attaccante Miyazawa (autrice di una doppietta) e delle sue due compagne di reparto Ueki e Tanaka. E le spagnole? Male, soprattutto in difesa, dove Galvez Luna e Carmona Garcia hanno dato vita a una prestazione pessima. Ci sarà da riprendersi e non poco in vista dell’ottavo di finale.

L’altra gara del girone vedeva la sfida tra le due sparring partner, ovvero Costa Rica e Zambia: le africane passano subito in vantaggio con Mweemba, abile a deviare in rete un corner di Chitundu, e raddoppiano alla mezz’ora con il rigore guadagnato da Banda e trasformato dalla stessa attaccante zambiana che diventa il millesimo gol segnato nella storia dei Mondiali Femminili. Ad inizio ripresa le costaricane accorciano le distanze con il tap-in vincente di Herrera sul colpo di testa di Del Campo che anticipa l’uscita imprecisa di Musonda, ma in pieno recupero arriva la terza rete africana con Kundananji che sfrutta al meglio l’assist di Banda e supera in diagonale Vega.

Gruppo C

Giappone-Spagna 4-0 12′ e 40′ Miyazawa, 29′ Ueki, 82′ Tanaka
Costa Rica-Zambia 1-3 3′ Mweemba (ZAM), 31′ rig. Banda (ZAM), 47′ Herrera (COS), 90+3′ Kundananji

CLASSIFICA: Giappone 9, Spagna 6, Zambia 3, Costa Rica 0.

*in grassetto le squadre qualificate agli ottavi di finale

Le altre due gare di giornata hanno decretato le due squadre del Gruppo B che si qualificano agli ottavi di finale, ovvero le padrone di casa dell’Australia e la Nigeria. Le australiane hanno avuto ragione del Canada, medaglia d’oro alle Olimpiadi e prima vera grande delusione del torneo, con un netto 4-0 al Melbourne Rectangular Stadium frutto della doppietta nel primo tempo di Raso che segna prima con un preciso diagonale e poi devia in rete la palla al termine di una mischia in area. Nel secondo tempo la disfatta canadese si completa con la rete di Fowler e il rigore trasformato da Catley e concesso per fallo in area di Fleming. Le nordamericane sono tutte nel tiro di Rose al 68′ parato di piede da Arnold. Alla Nigeria è andato invece bene il pari contro un’Irlanda volitiva e che a tratti ha espresso un ottimo gioco soprattutto con il suo capitano McCabe che ha sfiorato la rete in più di un’occasione: dall’altro lato Oshoala prima e Kanu dopo cercano di cambiare il risultato ma la sfortuna e la traversa fermano le ambizioni delle Super Falcons, che comunque si qualificano per gli ottavi di finale.

Gruppo B

Australia-Canada 4-0 9′ e 39′ Raso, 58′ Fowler, 90+4′ rig. Catley
Nigeria-Irlanda 0-0

CLASSIFICA: Australia 6, Nigeria 5, Canada 4, Irlanda 1.

*in grassetto le squadre qualificate agli ottavi di finale

Stefano Pellone
Stefano Pellone
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile.

Quella volta che il Lugano sbancò San Siro, facendo lo sgambetto...

In assenza di calcio giocato, con lo stadio di Lugano (e non solo deserto), vale la pena di rispolverare qualche ricordo, anche di carattere...
error: Content is protected !!