Pallone in Soffitta – Aleksandar Arangelovic, profugo di Serie A

-

1947. Un calciatore jugoslavo approfitta di un’amichevole della sua squadra a Trieste per chiedere asilo politico all’Italia: storia di Aleksandar Arangelovic, profugo di Serie A.

Nato a Belgrado il 18 dicembre 1922, ha però radici più a sud: il padre Rista, costruttore edile, è infatti originario di Crna Trava. Non solo, è un delegato del Partito Democratico.

Quando Aleksandar Arangelovic fa parte di una delle principali squadre jugoslave, la Stella Rossa, si è già disimpegnato come attaccante in contesti non di primo piano come Jedinstvo, Prva Armija, Metalac e Student, senza mai lasciare Belgrado. Un giocatore onesto: non è una delle stelle della rosa. Nel marzo 1947 si reca a Trieste con la Crvena Zvezda, per disputare un’amichevole.

Un pensiero precedente? Un piano già programmato o l’intuizione dell’ultimo momento? No, il desiderio di una vita migliore: capirete fra poco il discorso. In patria, il padre si era dichiarato contrario a Tito e in quattro e quattr’otto la porta di casa Arangelovic era stata sigillata. Aveva provato a fuggire in precedenza lungo il confine, insieme al pugile Milos Lazarevic, ma tutto era sfumato. Quindi, stavolta, Aleksandar vede nell’Italia la chance per non tornare più indietro e chiedere asilo politico. La svolta si compie.

A fine aprile disputa una gara non ufficiale con la maglia del Milan contro il Como: non ci sarebbe stato però alcun seguito, a causa del veto della Federcalcio jugoslava. A Milano, il benestante “Aran” scopre la musica classica e inizia a frequentare il Teatro alla Scala. Diventa amico del celebre tenore Beniamino Gigli. Il calciatore alla fine lascia la Lombardia e riesce ad accasarsi al Padova, che milita in cadetteria.

Disputa una manciata di partite a inizio torneo, segnando 3 gol, affiancando il campione del mondo ’38 Gino Colaussi. Poi, nella stagione 1948-49 debutta in Serie A alla prima di campionato, il 19 settembre 1948, contro il Genoa. Sulle spalle il numero 8 e negli occhi un’esperienza terribile. I patavini perdono per 7-1 a Marassi. Quella, inspiegabilmente, sarebbe rimasta l’unica presenza nel Padova in A e l’ultima volta con i biancoscudati.

Con la maglia del Novara

 

 

 

 

 

 

 

 

Il rapporto tra lo jugoslavo e il Padova non finì nel migliore dei modi. La società “dimenticò” di inserire il suo nome nelle liste di trasferimento e Arangelovic fece ricorso, vincendolo. Per lui va decisamente meglio con i colori della Roma: 20 partite e 11 gol nel campionato 1949-50, di cui 4 dal dischetto e con 4 doppiette all’attivo contro Atalanta, Lucchese, Venezia e Palermo. E un contratto fisso da 50.000 dollari. In Italia, come detto, si appassiona all’opera (l’Aida di Verdi è la sua preferita, a cui assiste oltre un centinaio di volte) e al patrimonio artistico. Ha affermato di essere stato a letto con 2.500 donne. Il suo destino è quindi quello di non stare fermo e perciò, nonostante in giallorosso sia riuscito a farsi apprezzare, cambia di nuovo squadra. Si trasferisce al Novara, 26 partite e 9 gol: giocando con chi? Ironia della sorte, con un altro campione del mondo 1938 come Silvio Piola. Nel 1951 lascia l’Italia per accasarsi in Francia al Racing Club Paris e infine in Spagna all’Atlético Madrid dove letteralmente “fugge” di nuovo, perché la gestione di Helenio Herrera non gli è congeniale.

Conclude il percorso da atleta in Canada, Paese in cui inizia ad allenare. Poi in Australia. Le notizie che lo riguardano si perdono tra un continente e l’altro. Le tracce conducono fino a Hong Kong e Vietnam. In Australia viene truffato da due soci serbi nel settore minerario. Rientrato in Jugoslavia nel 1963 dopo l’amnistia di Tito, ha lavorato come guida turistica per l’agenzia di viaggi Centroturist, mettendo a frutto la conoscenza di 5 lingue (inglese, francese, italiano, spagnolo e tedesco). È scomparso l’8 settembre 1999, nella sua casa di Belgrado, 3 mesi prima di compiere 79 anni.

(Fonti: strategija.org / beforeafter.rs / vijesti.me)

Fabio Ornano
Fabio Ornano
Cagliaritano, classe '81. Pazzo per Brera, Guerin Sportivo e Panini. Da anni membro di MP: principalmente ed inevitabilmente, per scrivere sulla storia del calcio. Italiano ed internazionale.

MondoPallone Racconta… Le mille vite di Paul “Gazza” Gascoigne

E' stato uno dei più talentuosi giocatori inglesi degli ultimi 30 anni. Ma non ha saputo amministrare bene il suo genio calcistico, sperperandolo prevalentemente...
error: Content is protected !!