Lo spogliatoio della Juventus è veramente pronto per il derby contro il Torino?

Le opinioni nel calcio sono così veloci che fino a pochi giorni fa la Juventus era alla deriva e Allegri aveva attriti con Chiesa e gli altri giovani, mentre oggi i bianconeri dopo la vittoria contro il Chelsea sembrano una nuova squadra. Le vie di mezzo nel calcio probabilmente non esistono tra chi lo guarda da fuori, ma a volte c’è l’esigenza di riflettere a bocce ferme per capire meglio la situazione di uno spogliatoio.

Non è un segreto che la Juventus stia attraversando un periodo di transizione. Il ritorno del concreto Allegri, l’addio di Cristiano Ronaldo e il mercato risicato sono sintomo di una difficoltà momentanea, ma ciò non significa che i bianconeri siano da Serie B, come alcuni in queste prime giornate li hanno definiti. La situazione in classifica cambierà così come le opinioni.

Bisogna ricordare la stagione del Milan da scudetto nella stagione 2010/11 per capire come Massimiliano Allegri non sia nuovo a queste false partenze. Dopo i 5 punti in 4 partite e la sconfitta a Cesena quell’anno Ibrahimović e compagni ingranarono, vinsero il derby di Milano 3-0 e finirono in prima posizione in Serie A. Per questo motivo è obbligatorio aspettare prima di sentenziare.

In Champions League Federico Chiesa ha letteralmente trascinato i ragazzi di Allegri con una rete decisiva e un nuovo ruolo. Da prima punta ha segnato l’1-0 che è poi valso alla fine i tre punti contro il Chelsea, campione in carica della competizione. Ciò però basta a dire che abbiamo davanti una nuova Juventus? I bianconeri grazie a questa vittoria cambieranno atteggiamento anche in Serie A? Sono pronti per il derby contro il Torino?

Una delle partite più importanti della stagione del calcio italiano in generale è alle porte e perciò serve il morale molto alto per affrontare la sfida nel migliore dei modi. Tuttavia un big match non ha classifica, non dà molto peso ai punti. È lo stesso derby che di solito porta a un cambio improvviso di rotta. Chi dovesse trionfare sicuramente potrebbe cambiare radicalmente il proprio morale.

Senza girarci attorno troppo, la Juventus non arriva da assoluta favorita, ma potrebbe uscire dall’Olimpico piena di speranza e con una nuova linfa vitale grazie a una vittoria, anche minima. Qualora invece dovessero trionfare i granata, per Jurić potrebbe cominciare veramente una nuova stagione dopo gli attriti iniziali con la presidenza.

Senza spostare troppo l’attenzione verso altri colori, lo spogliatoio è veramente pronto ad affrontare questo nuovo avversario? Ovviamente, ma nessuno sa effettivamente se sia pronto a vincere. Gli ultimi due risultati sono stati molto buoni, ma finora non abbiamo visto il vero ruggito della formazione allegriniana.

Ci sono sicuramente novità molto interessanti, come Paulo Dybala che è tornato in campo a giocare come un tempo. Già durante la prima giornata di campionato aveva dimostrato di essere partito con il piede giusto. Oltre alla prima rete dopo soli 3 minuti, indimenticabile il lancio perfetto verso Cuadrado che si è poi involato verso la porta nel 2-2 in casa dell’Udinese. È stato però uno dei pochi acuti brevi prima dell’infortunio dell’argentino, che forse non sarà in campo con il Torino.

Dovesse arrivare la sconfitta in questo derby non sarebbe comunque una tragedia, anche se in molti sentenzieranno in maniera sfavorevole. Una vittoria darebbe senza dubbio morale, ma una sconfitta non sarebbe la fine del mondo per lo spogliatoio che lavora ogni giorno duramente. Alcuni giornali, alcuni tifosi, alcuni rivali vorranno destabilizzare l’ambiente, che però deve avere i nervi saldi per superare anche questa prova.