Pallone in Soffitta – Italia-Turchia, 21 anni dopo

Domani l’Italia di Roberto Mancini aprirà Euro 2020 incontrando la Turchia allo stadio Olimpico di Roma. Un debutto continentale che rievoca quello risalente al 2000: che sia di buon auspicio!

Che squadra!

L’Italia giocherà domani la sua prima gara di Euro 2020 contro la Turchia. Inevitabile che torni in mente le stesse contendenti per il debutto avvenuto ventuno anni fa – sempre l’11 giugno – nell’edizione in Belgio e Olanda, che avrebbe visto gli azzurri beffati in finale dalla Francia. La squadra guidata dal mitico Dino Zoff, subentrato a Cesare Maldini dopo Francia ’98, disponeva di una rosa ben assortita sebbene privata degli infortunati Buffon e Vieri. La ricostruiamo:

Portieri: Toldo, Abbiati, Antonioli.

Difensori: Ferrara, Maldini, Cannavaro, Negro, Pessotto, Nesta, Iuliano.

Centrocampisti: Albertini, Di Livio, Conte, Di Biagio, Ambrosini, Zambrotta, Fiore.

Attaccanti: F. Inzaghi, Del Piero, Montella, Totti, Delvecchio.

La partita

Alla vigilia gli azzurri non venivano accreditati in maniera convinta per il debutto europeo. Ma il campo fece cambiare idea a tanti. Conte sfiora il gol di destro, il portiere Rüstü la devia sul palo. Inzaghi, non al meglio, strozza un destro volante e manda malamente a lato di testa, in solitudine. Il nuovo tentativo viene respinto quasi sulla linea dalla difesa turca: ma Conte si produce in una rovesciata volante che porta in vantaggio l’Italia. La timida reazione avversaria è affidata a un destro largo di Tayfur, Toldo resta tranquillo. La pressione aumenta. Totti colpisce la traversa e nuovo salvataggio a porta sguarnita, sempre su <Pippo>. Pessotto si fa male e deve lasciare il campo per il compagno juventino Iuliano, la Turchia perviene al pari: punizione da destra, Okan è liberissimo di insaccare di testa da pochi passi. La porta turca è stregata per Inzaghi, alle prese quasi con un sortilegio maligno. Tuttavia, la punta conquista e trasforma un rigore (molto generoso) concesso da Dallas. I tifosi biancorossi, inferociti, lanciano in campo di tutto. C’è ancora tempo per una traversa su calcio piazzato, colta dal subentrato Del Piero, più l’urlo ricacciato in gola da Di Livio che realizza in fuorigioco. 11 giugno 2000: che sia di buon auspicio per domani!

Il tabellino

11 giugno 2000, Arnhem (Olanda), stadio Gelredome

Italia-Turchia 2-1

Italia: Toldo; Cannavaro, Nesta, Maldini; Zambrotta, Conte, Fiore (75° Del Piero), Albertini, Pessotto (62° Iuliano); F. Inzaghi, Totti (83° Di Livio). C.T. Dino Zoff.

Turchia: Rüstü Reçber; Fatih Akyel, Ogün Temizkanoglu, Alpay Özalan; Ümit Davala (76° Tugay Kerimoglu), Okan Bürük (89° Ergün Penbe), Tayfur Havutçu, Tayfun Korkut, Abdullah Ercan; Sergen Yalçin (81° Arif Erdem); Hakan Sükür. C.T. Mustafa Denizli. 

Arbitro: Dallas (Scozia).

Reti: 52° Conte, 62° Okan Bürük, 70° Inzaghi rigore.