Fantacalcio Serie A 2020/21: i consigli su chi schierare e chi evitare nella 38/a giornata

Fra dubbi e certezze (o presunte tali), ogni fantallenatore è chiamato a fare delle scelte nel momento in cui schiera la propria formazione. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi la scelta azzeccata o una mossa scellerata. Ci sono, tra l’altro, tante varianti da tenere in considerazione: intanto, bisogna sapere chi salterà il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), poi occorre valutare come si sono allenati in settimana i propri giocatori e gli incroci che il calendario propone. Per il resto, è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una gran bella dose di fondoschiena. Tuttavia, la fortuna va aiutata e per questo vi diamo qualche consiglio, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

Fine dei giochi. Ultimi novanta minuti di passione: in Serie A resta da definire solo i piazzamenti in Europa, me in tante fanta-leghe italiane si deciderà il titolo di campione. Si comincia stasera con tre anticipi, tutti alle 20:45: Cagliari-Genoa, Crotone-Fiorentina e Sampdoria-Parma. Domenica un solo anticipo, quello delle 15 tra Inter e Udinese, poi sei gare in contemporanea: Bologna-Juve, Napoli-Hellas Verona, Sassuolo-Lazio, Spezia-Roma, Torino-Benevento ma soprattutto Atalanta-Milan, gara che più delle altre sarà decisiva per la volata Champions.
GLI SQUALIFICATI – Golemic, Magallan, Dragowski, Ger. Pezzella, Thorsby, Kurtic, Darmian, Brozovic, Dijks, Soriano, Bentancur, Barak, Luiz Felipe, Luis Alberto, A. Pereira, Farias.
GLI INFORTUNATI RECENTI – Scamacca, Cordaz, Luperto, Di Carmine, Milenkovic, Osorio, Kovalenko, Raspadori, Caicedo, Lor. Pellegrini, Carles Perez, Depaoli, Ionita.
LA “LISTA COVID” – nessuno.
IN DUBBIO – Walukiewicz, Riviere, Tonelli, Giu. Pezzella, Karamoh, Mihaila, Barella, Sanchez, Nuytinck, Gosens, Danilo Lar., Svanberg, Acerbi, Chabot, Smalling, Spinazzola, Diawara, Baselli, Gojak, Caprari.

LA TOP 11 (3-4-3) – Meret (Napoli); Di Lorenzo (Napoli), A. Bastoni (Inter), Vojvoda (Torino); Chiesa (Juventus), Kessiè (Milan), Marin (Cagliari), Saponara (Spezia); Simy (Crotone), Caputo (Sassuolo), Osimhen (Napoli).
LA CERTEZZA – Un finale di campionato in crescendo, con i suoi gol sta trascinando il Napoli verso un posto in Champions. Parliamo di Victor Osimhen, che ha siglato 7 reti nelle ultime nove gare giocate, risultando l’uomo in più dell’attacco partenopeo. Domani contro il Verona agli azzurri basta una vittoria e se avete in rosa un attaccante partenopeo schieratelo senza pensarci troppo, specialmente se si tratta di Osimhen.
LA SORPRESA – Dopo una stagione a dir poco deludente, l’ultima giornata potrebbe regalarci un +3 di Ciccio Caputo, che probabilmente strapperà una maglia da titolare contro la Lazio, complici anche le non perfette condizioni fisiche di Raspadori. Se lo avete in rosa, è il momento di schierarlo, anche se per molti ormai è tardi.

LA FLOP 11 (3-4-3) – Pandur (Hellas Verona); Igor (Fiorentina), Radu (Lazio), Tomiyasu (Bologna); Schouten (Bologna), de Roon (Atalanta), Hernani (Parma), Lulic (Lazio); Ilicic (Atalanta), Pellè (Parma), Caprari (Benevento).
LA CERTEZZA IN NEGATIVO – Meno in vetrina rispetto ai compagni nerazzurri, ma altrettanto certezza se si considera la costanza nel rendimento e la media voto. Marten de Roon però è la “certezza” sconsigliata dell’ultima di campionato, perché l’olandese avrà di fronte l’agguerrito centrocampo di un Milan che farà di tutto per ottenere i tre punti. Con uno scenario del genere, non aspettiamoci bonus dall’olandese, piuttosto è probabile l’ammonizione.
LA CONTRO-SCOMMESSA – Chi ha puntato su Silvestri come proprio portiere, si ritrova a giocare queste ultime gare col suo vice, il croato Ivor Pandur. Vista la trasferta di Napoli con i partenopei che, sulla carta, hanno infinite motivazioni in più rispetto agli scaligeri, Pandur entra di diritto nella flop 11. Meglio non schierarlo contro Insigne e compagni. Sempre che abbiate alternative.