Fantacalcio Serie A 2020/21: i consigli su chi schierare e chi evitare nella 23/a giornata

Fra dubbi e certezze (o presunte tali), ogni fantallenatore è chiamato a fare delle scelte nel momento in cui schiera la propria formazione. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi la scelta azzeccata o una mossa scellerata. Ci sono, tra l’altro, tante varianti da tenere in considerazione: intanto, bisogna sapere chi salterà il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), poi occorre valutare come si sono allenati in settimana i propri giocatori e gli incroci che il calendario propone. Per il resto, è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una gran bella dose di fondoschiena. Tuttavia, la fortuna va aiutata e per questo vi diamo qualche consiglio, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

Occhio agli anticipi! La 23/a giornata di Serie A prenderà il via oggi, di venerdì, con addirittura due anticipi. Formazioni da schierare entro le 18:30, ora di inizio di Fiorentina-Spezia, mentre alle 20:45 sarà la volta di Cagliari-Torino. Sabato tre sfide: alle 15 Lazio-Samp, alle 18 Genoa-Verona e alle 20:45 Sassuolo-Bologna. Ma sarà domenica il giorno clou, il giorno del super derby Milan-Inter, nell’insolito orario delle 15. A parte la sfida al vertice, si giocherà Parma-Udinese alle 12:30, Atalanta-Napoli alle 18 e Benevento-Roma alle 20:45. Epilogo al lunedì con Juve-Crotone (20:45).
GLI SQUALIFICATI – S. Bastoni, Erlic, Hoedt, Lazzari, Dimarco, Rabiot.
GLI INFORTUNATI RECENTI – Ribery, Terzi, Farias, Sottil, S. Radu, Kalinic, Pellè, Inglese, Pereyra, B. Diaz, Hateboer, Ospina, Hysaj, Lozano, Petagna, Bonucci, Chiellini, Cuadrado, Arthur.
LA “LISTA COVID” – Sanabria (più altri due compagni del Torino di cui non è stata resa nota l’identità), Zaniolo.
IN DUBBIO – Strakosha, Criscito, Dawidowicz, E. Colley, Salcedo, Favilli, Chiriches, Boga, Medel, Deulofeu, Bennacer, Sensi, Vidal, Demme, Politano, Smalling, Ibanez, Kumbulla, Cristante, Bentancur, Benali.

LA TOP 11 (3-4-3) – Perin (Genoa); Maehle (Atalanta), Ger. Pezzella (Fiorentina), Spinazzola (Roma); Agudelo (Spezia), Luis Alberto (Lazio), McKennie (Juventus), Pasalic (Atalanta); Caputo (Sassuolo), Ronaldo (Juventus), Joao Pedro (Cagliari).
LA CERTEZZA – Tre gol nelle ultime quattro giornate sono un ottimo bottino per il bomber neroverde Ciccio Caputo. L’ex Empoli ha parecchio terreno da recuperare, anche se è già a quota 9 gol in classifica marcatori. L’occasione di domani, col Sassuolo che ospiterà il Bologna al Mapei Stadium, è di quelle ghiotte: puntiamo forte su Ciccio, fiduciosi che non ci deluderà. Come sempre, d’altronde.
LA SORPRESA Una microfrattura al quinto metatarso del piede sinistro ha messo fuori gioco Hateboer, che contro il Napoli sarà sicuramente rilevato dal danese Joakim Mæhle. Quale occasione migliore per puntare sull’esterno atalantino? Il Napoli, tra l’altro non se la passa bene, visto che ha mezza squadra in infermeria. Confidiamo in una buona prestazione da parte dell’ex Genk, condita magari anche da un bell’assist.

LA FLOP 11 (3-4-3) – Cordaz (Crotone); Bereszynski (Sampdoria), Rrahmani (Napoli), Caldirola (Benevento); Damsgaard (Sampdoria), Fabian Ruiz (Napoli), Vidal (Inter), Castillejo (Milan); Defrel (Sassuolo), Dzeko (Roma), Messias (Crotone).
LA CERTEZZA IN NEGATIVO – Va verso la terza panchina consecutiva, un fatto più unico che raro per uno come Edin Dzeko, che anche a Benevento probabilmente lascerà la maglia da titolare a Borja Mayoral. Convinzione, la nostra, rafforzata dal fatto che il bosniaco ha giocato titolare nel match di Europa League contro il Braga. Peccato per chi ha puntato sul buon Edin, ma in questo momento è lui la classica certezza in negativo.
LA CONTRO-SCOMMESSA – Gattuso ha mezza rosa in infermeria e a Bergamo dovrà letteralmente fare la conta dei presenti. Il tecnico partenopeo dovrà necessariamente affidarsi, ancora una volta, ad Amir Rrahmani, al centro di qualche critica nelle ultime uscite. Reduce da un’ottima prestazione contro la Juve in campionato (ma non si può dire lo stesso per quella in Europa a Granada), l’albanese, di cittadinanza kosovara, domenica sera sarà di scena contro Ilicic, Zapata, Muriel e compagnia cantante. Diciamo che non è questo il momento migliore per schierarlo, anche perché difficilmente è in grado di portare bonus.