Rugby Top10. La crisi di Rovigo sembra conclusa, Petrarca sempre più convincente

Il campionato italiano di rugby Top 10 sta proseguendo la propria stagione tra rinvii e una classifica tutta da decifrare. Dopo nove giornate infatti la Sitav Rugby Lions risulta l’unica compagine ad aver giocato tutte le partite previste da calendario, mentre la Lazio vanta il record negativo di ben cinque gare da recuperare. Situazioni ormai note in ambito sportivo e a cui ci si sta abituando in tempi di Covid 19.

Sta di fatto che l’attuale graduatoria mostri solo una parte delle reali forze del campionato. A guidare è il Rovigo di Umberto Casellato, oggi vittorioso nella trasferta romana contro le Fiamme Oro. I Bersaglieri hanno avuto un buon avvio di stagione, poi nel mese di dicembre un brusco calo con le sconfitte in due scontri diretti importanti. La serie negativa è stata interrotta solo di recente grazie al netto successo casalingo con Colorno. La gara di oggi è stata la riconferma di una condizione che sta tornando ai livelli di qualche mese fa e i venti di crisi appaiono ormai lontani, complice l’ottima prestazione di Menniti-Ippolito, per avere ulteriori conferme però servono punti importanti contro compagini di alta classifica.

https://twitter.com/Federugby/status/1350475756774809601

Alle spalle c’è un Petrarca Padova autentica corazzata; il club di Marcato si è imposto contro l’Emilia, seconda forza del campionato, e viaggia a punteggio pieno al terzo posto. A negare la vetta ai patavini è solo la striscia di gare rinviate ,che ha obbligato il Petrarca a giocare solo metà della propria stagione. Da non sottovalutare inoltre il ritorno di Calvisano al terzo risultato utile consecutivo. Chi invece è arenato in fondo alla classifica è la Lazio ancora incapace di muovere la classifica. I biancocelesti oggi avevano una ghiotta occasione contro Colorno, ma dopo metà gara si sono ritrovati nella condizione di rincorrere tre mete avversarie; inutili i punti di Wagner e Ferrara nella ripresa.