“Laziale ebreo”, così i ragazzi della “Leopardi” rispondono all’odio (VIDEO)

Stamattina, davanti alla scuola elementare “Leopardi”, bambini, genitori e insegnanti si sono ritrovati muri e strada imbrattanti da terribili messaggi d’odio: “Laziale ebreo”, “Laziale Covid-19”, “Lazio merda”. Una scena vergognosa che ha immediatamente provocato lo sdegno collettivo, davanti all’ennesima vigliaccata di qualche simil-tifoso che ha accostato una fede calcistica a drammi umani come l’Olocausto o una pandemia. Non la prima volta che succede, tra l’altro, a Roma, dove talvolta lo sport sembra completamente sparire, sostituito da un odio ingiustificabile tra tifoserie (sempre che si possa porre sullo stesso piano della gran parte dei tifosi, corretti e amanti del calcio, personaggi che si riducono a orrori come questi).

Per fortuna, i ragazzi hanno saputo dare loro una gran lezione di civiltà, rispondendo alle scritte d’odio con un messaggio di uguaglianza e tolleranza, virtù che in troppi sembrano ormai aver perduto.