Nuovo coach in casa Pallacanestro Brescia: via Esposito, ecco Buscaglia

A malincuore, ma è stato doveroso: è questo quanto emerge dalla conferenza stampa della dirigenza della Germani Pallacanestro Brescia che quest’oggi ha presentato il nuovo coach Maurizio Buscaglia. L’ex allenatore di Reggiana e Trento prende il posto di Vincenzo Esposito dopo un anno e mezzo di permanenza sulla panchina lombarda.

L’inizio di questa stagione ha deluso le aspettative: l’eliminazione in EuroCup con due sole partite vinte e un preoccupante penultimo posto in campionato con altrettante vittorie ha costretto Bragaglio e Ferrari a prendere una decisione sofferta. Pallacanestro Brescia è sempre stata sinonimo di famiglia e il legame con Esposito si era consolidato dopo le belle prestazioni della passata stagione interrotta a causa del Covid quando i bresciani erano nel miglior stato di forma possibile.

Ora è tempo di voltare pagina e sulla pizza non c’era uomo migliore di Maurizio Buscaglia per riaprire un nuovo ciclo: a Trento è stato capace di centrare due volte la finale Scudetto vincendo anche il premio di allenatore dell’anno in EuroCup nel 2016.

Queste le sue parole riportate dal sito di Pallacanestro Brescia:
“Sono contento di essere stato scelto da un club così prestigioso. Porto il mio sorriso, il desiderio di fare bene e la voglia di far giocare la squadra nel miglior modo possibile. Ho un pensiero molto chiaro: una società importante nel panorama europeo mi ha chiamato per far parte della squadra. Personalmente, penso che bisogna fare le cose che vengono da cuore e stomaco: dopo una telefonata che mi avvisava dell’interesse c’è stato un incontro e la velocità con cui ho preso la decisione è stata data dall’istinto. Per tutto il resto: c’è una partita e la mia testa è già orientata in questa direzione. Abbiamo bisogno di essere tosti per giocare delle partite che valgono molto e la prima è tra pochi giorni: non riesco nemmeno a pensare al calendario e a quello che verrà dopo, perché bisogna fare bene a partire da oggi e giocare con faccia tosta ogni partita”.