Fantacalcio Serie A 2020/21: i consigli su chi schierare e chi evitare nella 5/a giornata

Fra dubbi e certezze (o presunte tali), ogni fantallenatore è chiamato a fare delle scelte nel momento in cui schiera la propria formazione. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi la scelta azzeccata o una mossa scellerata. Ci sono, tra l’altro, tante varianti da tenere in considerazione: intanto, bisogna sapere chi salterà il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), poi occorre valutare come si sono allenati in settimana i propri giocatori e gli incroci che il calendario propone. Per il resto, è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una gran bella dose di fondoschiena. Tuttavia, la fortuna va aiutata e per questo vi diamo qualche consiglio, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

La 5/a giornata del campionato di Serie A verrà disputata in quattro giorni, per la gioia – si fa per dire – dei fantallenatori, che entro le 20:45 di oggi (si gioca Sassuolo-Torino) dovranno schierare la formazione. Domani altre tre sfide in calendario: Atalanta-Samp alle 15, Genoa-Inter alle 18 e Lazio-Bologna alle 20:45. Domenica si pranza con Cagliari-Crotone, poi di pomeriggio si gioca il derby campano Benevento-Napoli e Parma-Spezia; in serata, Fiorentina-Udinese (18) e Juve-Verona (20:45). Posticipo di lusso lunedì sera con Milan-Roma (20:45).
GLI SQUALIFICATI – V. Milinkovic-Savic, Chiesa.
GLI INFORTUNATI RECENTI – Izzo, Osorio, Scozzarella, B. Valero, Chiellini, Calhanoglu.
LA “LISTA COVID” – Carnesecchi, Males, I. Radu, Skriniar, Young, Hakimi, Gagliardini, Dragus, Elmas, Zielinski, B. Alves, Marchizza, Maggiore, McKennie, Ronaldo, Gunter, Barak, Gabbia, Diawara.
IN DUBBIO – Magnanelli, Defrel, Zaza, Malinovskyi, Gabbiadini, Bani, Sensi, Sanchez, A. Pereira, S. Milinkovic-Savic, Godin, Ger. Pezzella, Nuytinck, Veloso, Smalling.

LA TOP 11 (3-4-3) – Dragowski (Fiorentina); Zappa (Cagliari), Gagliolo (Parma), Biraghi (Fiorentina); Kulusevski (Juventus), Kurtic (Parma), Ruiz (Napoli), B. Diaz (Milan); Lautaro Martinez (Inter), Simeone (Cagliari), L. Insigne (Napoli).
LA CERTEZZA – Il suo ingresso in campo in Champions ha cambiato il volto dell’Inter: zampino nel gol del vantaggio e poi un palo clamoroso con una girata delle sue. I nerazzurri non possono prescindere da Lautaro Martinez, giocatore in grado di dispensare assist e di trovare il +3 con altrettante facilità. A Genova contro il Grifone ci aspettiamo almeno una rete: il Toro ha gli occhi spiritati.
LA SORPRESA – Per uno che ha preso voto in 3 gare su 4 (con tanto di gol) non ha più molto senso parlare di sorpresa. Eppure a inizio stagione Brahim Diaz lo era, ma lo spagnolo è stato bravo a sfruttare a proprio favore l’assenza di Rebic e ora che mancherà anche Calhanoglu, gli si profilano nuove occasioni, a partire da lunedì contro la Roma. Chi l’ha preso all’asta può schierarlo e sperare.

LA FLOP 11 (3-4-3) – Sirigu (Torino); Empereur (Verona), Mancini (Roma), Lykogiannis (Cagliari); Ramsey (Juventus), Tonali (Milan), Meite (Torino), Jankto (Sampdoria); Nzola (Spezia), Caicedo (Lazio), Iago Falque (Benevento).
LA CERTEZZA IN NEGATIVO – Il grande acquisto estivo del Milan, Sandro Tonali, sta faticando un po’ a trovare spazio fra i titolari, complice l’esperienza di Bennacer e l’affiatamento di quest’ultimo con Kessie e gli altri centrocampisti rossoneri. Al momento per l’ex Brescia non pare esserci troppo spazio, quindi non mettetevi scrupoli nel lasciarlo in panchina.
LA CONTRO-SCOMMESSA – Anche con Galabinov ai box, non sembra esserci tanto spazio per M’Bala Nzola, l’attaccante francese dello Spezia. Poco più di mezzora nel finale della gara pareggiata domenica scorsa contro la Fiorentina, il che ci lascia pensare che non sia tra le prime scelte del tecnico Italiano.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.