Morata, la mossa indipendentista di Andrea Pirlo

Lo ha voluto fortemente, e beh: ha avuto ragione. Alvaro Morata ha consegnato i primi tre punti alla Juventus in questa nuova stagione di Champions. Terzo gol in due partite per lo spagnolo: esattamente l’attaccante che serviva ai bianconeri per godere di quell’incisività che senza Ronaldo (e Dybala) non sempre era garantita. Il 2-0 di Kiev promuove i bianconeri, anche se il gioco non è stato del tutto convincente. Ovviamente, Pirlo saprà cosa fare e come modificare tatticamente le pedine a sua disposizione per dare alla sua Juventus una nuova identità. Da un lato ha tempo, perché è appena arrivato e Agnelli gli consentirà anche di sbagliare qualcosa (come successo a Crotone); dall’altro, dovrà saper fare le cose in fretta, perché quest’anno gli impegni sono estremamente ravvicinati. E allora: subito alle spalle Kiev, figuriamoci Crotone.

Dicevamo: Morata sembra possa conferire alla Juventus quell’incisività che, senza Ronaldo (e, sì, Dybala), non sempre ha avuto negli ultimi due anni. E che ciò sia un qualcosa di assolutamente intrigante, non ci piove. Che Pirlo stia provando a liberare la sua Juve dai (meravigliosi) vincoli procurati dal talento di Ronaldo? Dopotutto, dipendere dal campionissimo è una spada di Damocle che pende sulla testa: quando c’è CR7, si parte di fatto da un +1 nella casella dei gol; quando manca, si rischia di avere una voragine nell’economia di gioco collettiva. Ora, non che Morata sia la soluzione a tutti i mali, di certo però Pirlo, con lo spagnolo, ha trovato il modo di rendere comunque pressante, e presente, e incisivo, il reparto offensivo della sua squadra. In gol a Crotone (due volte, ufficiosamente: una di queste, annullata per un fuorigioco di un paio di centimetri), doppietta in Champions League. Insomma: il calciatore che serviva a Pirlo per partire con un +1 anche senza CR7.

A Kiev, si è vista una buona Juve, tutto sommato, nonostante ci siano ancora tante cose da risolvere, e dettagli da limare. Per esempio, serve che Arthur entri il prima possibile nei meccanismi di squadra (è un play puro, e quando è entrato in campo contro la Dinamo la Juventus è sembrata più ordinata. Non può essere un caso) e bisognerà capire quando curverà la crescita di Federico Chiesa, che se vorrà confermarsi in bianconero dovrà saper cambiare passo subito. Perché ora trova spazio nonostante gli errori; quando torneranno tutti (Ronaldo e? Già, Dybala), Chiesa giocherà solo se riuscirà a essere migliore degli altri, e il livello degli attaccanti bianconeri non è proprio uguale a quello degli amici del calcetto del giovedì (ah, bei tempi, quelli).

Chiosa su Chiellini: in bocca al lupo a lui. La sua assenza forzata, però, nelle prossime settimane, probabilmente stuzzicherà i pensieri di Pirlo. Uno di quelli che trasforma ogni problema in opportunità. Un’occhiata fugace in Primavera, così, per vedere se c’è qualche altro Frabotta da tirar dentro?

Condividi
Appassionato di sport – calcio, NFL e Tennis su tutti. Direttore di MondoSportivo.it, giornalista e telecronista. Dal 2010 a Sportitalia, dal 2018 DAZN. Nel 2017 a Premium Sport.