Allsvenskan 14/a – Il Malmö decolla, resiste solo l’Elfsborg

Nell’Allsvenskan, la regolarità è fondamentale. E il Malmö di Tomasson sembra averla trovata, dopo alcuni tentennamenti costati cari (la Svenska Cupen persa con il Göteborg, l’ultimo episodio in cronologia). Gli Himmlesblått sono infatti arrivati alla settima vittoria consecutiva, che significa testa della classifica, con 4 lunghezze di vantaggio sulla seconda.

Certo: questa volta l’impegno, per i biancocelesti, era agevole (il Falkenbergs, squadra dalla classifica pericolante): tuttavia, la compagine di Scania ci aveva abituati, nelle scorse settimane, come scrivevamo sopra, a qualche amnesia di troppo.

In questa occasione, l’espulsione del capocannoniere Thelin (un fallo intenzionale con palla lontana, all’8′) ha invece paradossalmente ricompattato la squadra (non possono non tornarci alla mente, in casi come questi, le parole di Nils Liedholm quando illustrava questa casistica…) che, passata in vantaggio 2′ dopo con Berget, ha poi mantenuto il vantaggio sino al termine.

A rispondere, alle spalle della capolista, è stato solo l’Elfsborg. Gli Eleganterna hanno infatti prevalso sul campo  dell’Östersunds: a decidere, un gol di Karlsson al 50′, una bella mezza rovesciata su passaggio di Larsson, nato da un calcio di punizione sulla tre quarti.

Il derby di Stoccolma è invece andato alla squadra sfavorita alla vigilia, vale a dire l’Hammarby di Billborn, sempre imperturbabile in panchina, in occasione delle due reti dei suoi (Johansson al 4′, Khalili al 33′) nella prima frazione. L’autogol di Fenger, nella ripresa, al 74′, ha riaperto l’incontro, ma troppo tardi per gli Järnkaminerna, che vedono così bloccata la propria rincorsa ai vertici della graduatoria.

In alta classifica, spiccano le sconfitte del Norrköping (che segna tantissimo, ma ha qualche problema dietro) contro un Helsingborg decisamente in ripresa di gioco e di risultati, nonostante la sconfitta nel derby con il Malmö della settimana scorsa, e dell’Häcken in casa con il Kalmar, fanalino di coda. La lotta per non retrocedere, dunque, si annuncia entusiasmante, da qui alla fine, e rischia, tra l’altro, di avere invitati non previsti.

Parliamo infatti del Göteborg (1-1 in trasferta a Örebro, nella sfida che vi abbiamo raccontato in diretta su Sportitalia) e AIK, affondato mestamente sul campo della neopromossa Mjalby, nonostante il recentissimo cambio di allenatore (Bartosz Grzelak, al suo esordio alla guida degli Gnaget).

Rocambolesco il pareggio (3-3) del Sirius sul proprio campo col Varbergs, con Stefano Vecchia (doppietta e assist) ancora sugli scudi, assieme al compagno di reparto Sugita. Gli avversari, tuttavia, sotto di due gol al 50′, sono stati bravi e ostinati a recuperare, pareggiando in pieno recupero.

Allsvenskan 2020 14/a giornata – risultati

Domenica 9 agosto

Falkenbergs-Malmö  0-1  (0-1) 
Djurgården-Hammarby  1-2  (0-2)
Mjalby-AIK  3-1  (2-1) 
Östersunds-Elfsborg  0-1  (0-0)
Örebro-Göteborg  1-1  (0-0)
Häcken-Kalmar  0-2  (0-1)

Giovedì 6 agosto

Helsingborg-Norrköping  3-2  (2-1)
Sirius-Valbergs  3-3  (2-1)   
 

CLASSIFICA PROVVISORIA ALLSVENSKAN 2020  – 14/a giornata 

Pos. Squadra Gol fatti/subiti Punti | Pos. Squadra Gol fatti/subiti Punti
1 Malmö 29/12 31 | 9 Varbergs 21/20 17
2 Elfsborg 23/18 27 | 10 Örebro 14/16 17
3 Norrköping 31/20 25 | 11 Göteborg 16/21 14
4 Djurgården 20/14 23 | 12 AIK 13/22 13
5 Häcken 24/15 21 | 13 Helsingborg 13//22 13
6 Hammarby 16/17 20 | 14 Kalmar 16/22 12
7 Sirius 24/24 19 | 15 Falkenbergs 15/21 12
8 Mjalby 17/21 19 | 16 Östersunds 11/18 12

Legenda: qualificata ai preliminari di CL, qualificate ai preliminari di EL, allo spareggio per non retrocedere con la terza classificata in Superettan, retrocesse in Superettan

Condividi
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco.