Fantacalcio Serie A 2019/20: i consigli su chi schierare e chi evitare nella 29/a giornata

Fra dubbi e certezze (o presunte tali), ogni fantallenatore è chiamato a fare delle scelte nel momento in cui schiera la propria formazione. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi la scelta azzeccata o una mossa da maledire a lungo. Ci sono, tra l’altro, tante varianti da tenere in considerazione: intanto, bisogna sapere chi salterà il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), poi occorre valutare come si sono allenati in settimana i propri giocatori e gli incroci che il calendario propone. Per il resto, è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una gran bella dose di fondoschiena. Tuttavia, la fortuna va aiutata e per questo vi regaliamo qualche consiglio, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

È già tempo di campionato, è già tempo di fantacalcio. La 29/a giornata di Serie A è alle porte: stasera inaugurano le danze Torino-Lazio (19:30) e Genoa-Juventus (21:45). Domani altre sei gare, con due anticipi alle 19:30 (Inter-Brescia e Bologna-Cagliari) e le restanti partite alle 21:45 (SPAL-Milan, Verona-Parma, Lecce-Samp e Fiorentina-Sassuolo). Infine, giovedì le ultime due, agli orari consueti: prima la scoppiettante Atalanta-Napoli, poi Roma-Udinese.
GLI ASSENTI – Sono 11 i giocatori squalificati costretti a saltare il turno: Berni, Skriniar, Caceres, Vlahovic, Lucioni, Felipe, Kumbulla, Kucka, Malinovskyi, Veretout e Lorenzo Pellegrini. A questi e agli infortunati noti, si aggiunge qualche giocatore finito KO nelle ultime ore, su tutti Criscito e Tonelli. Infine diversi calciatori in dubbio, causa impegni ravvicinati: Zaza, Cataldi, Poli, Klavan, Pereiro, Vecino, Brozovic, Quagliarella, Salcedo e Allan.
LA TOP 11 (3-4-3) – Pau Lopez (Roma); Tomiyasu (Bologna), Milenkovic (Fiorentina), Calderoni (Lecce); Moses (Inter), Soriano (Bologna), Ramsey (Juventus), Castillejo (Milan); Lukaku (Inter), Rebic (Milan), Ilicic (Atalanta).
LA CERTEZZA – La trasferta di Ferrara è la migliore occasione per continuare a stupire e a incrementare un bottino di reti (al momento sono 8) che nel girone d’andata nessuno poteva immaginare. Eppure Ante Rebic dopo lo stop ha ripreso esattamente da dove aveva interrotto: gol su gol, due su due partite giocate. Chi ce l’ha in rosa si sfrega le mani. Giustamente.
LA SORPRESA – Potrebbe giocare al posto di uno stanco Candreva e con Inter-Brescia in vista, chi ha Victor Moses in rosa può seriamente farci un pensierino. In Italia, complice soprattutto lo stop del campionato, non ha ancora fatto vedere le proprie qualità. Conte sembra intenzionato a dargli una chance, quindi, pregustando qualche assist (e magari un golletto), zitti zitti lo schieriamo titolare.

LA FLOP 11 (3-4-3) – Ospina (Napoli); Papetti (Brescia), Lyanco (Torino), Koulibaly (Napoli); Ansaldi (Torino), Tonali (Brescia), Locatelli (Sassuolo), Ruiz (Napoli); Sanabria (Genoa), Caputo (Sassuolo), Rafael Leao (Milan).
LA CERTEZZA  IN NEGATIVO – Sempre titolare nell’era post coronavirus, Ciccio Caputo stavolta rischia di sedersi in panchina nella gara del Franchi contro la Viola. Con un Boga in grande spolvero e con un Defrel che scalpita per trovare spazio, nulla di strano che De Zerbi conceda un turno di riposo al proprio bomber.
LA CONTRO-SCOMMESSA – A soli 17 anni è stato schierato titolare già due volte da Diego Lopez, che di difensori centrali se ne intende. Andrea Papetti, classe 2002, non ha demeritato, sopperendo degnamente alle assenze pesanti in difesa per le Rondinelle (Cistana e Chancellor sono ai box). Però onestamente non ce la sentiamo di dargli fiducia a San Siro contro due diavoli come Lukaku e Lautaro. Tempo al tempo, il futuro a volte può attendere.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.