Il futuro del motorsport nasce in ventuno chilometri

Ventuno chilometri: è questa la distanza che separa Montecarlo e Nizza. Le due località appena citate sono il luogo di nascita di Charles Leclerc e Fabio Quartararo, le due stelle di Formula 1 e MotoGP. Il tempo di percorrenza è di circa mezz’ora e infatti i due sono grandi amici: ora condividono, oltre alla regione di nascita, anche il futuro: entrambi hanno in dote un grande talento e nonostante la giovane età hanno già dimostrato di essere molto veloci.

Il monegasco è un pilota Ferrari dal 2019, mentre corre in Formula 1 dall’anno prima dopo una lunga gavetta nella Ferrari Driver Academy; il nizzardo invece grazie allo straordinario debutto da rookie in MotoGP si è conquistato la Yamaha ufficiale a partire dal 2021. Un altro aspetto in comune dei due piloti è la forza con cui hanno scalzato due mostri sacri dal loro scettro: Leclerc ha di fatto cacciato Sebastian Vettel facendo investire il cavallino rampante esclusivamente su di lui, mentre Quartararo dal prossimo campionato rimpiazzerà Valentino Rossi. Insomma, niente male per un ventiduenne e un ventunenne.

Leclerc ha vinto due gare in carriera in F1 e ottenuto sette pole position. Quartararo invece è salito sul gradino più alto del podio soltanto una volta in Moto2, ma le sei pole conquistate l’ultima stagione gli sono valse il titolo di più giovane pole sitter nella storia della classe regina. Il talento è lampante: sono in grado di competere in ogni condizione mostrando soprattutto una forza mentale al di fuori del comune.

Entrambi si sono dimostrati velocissimi sul giro secco, mentre soprattutto Quartararo fatica nel corpo a corpo in gara. L’età è dalla sua parte, i margini di miglioramento sono sotto gli occhi tutti. Quelle due facce così giovani e simpatiche e la loro spontaneità hanno fatto pure innamorare gli appassionati decretandoli idoli sia dei teenager che dei più anziani. Il loro spirito in gara infatti fa intravedere quello che da molti anni aveva fatto perdere la passione a molti tifosi: sacrificio, dedizione e una voglia matta di spingersi sempre al massimo sono alla base dei loro soprannaturali talenti.

Il motorsport ha già pronto il ricambio generazionale: Leclerc e Quartararo sono il presente e il futuro vincente di Formula 1 e MotoGP. Ora non ci resta che aspettare il ritorno in pista per rivederli competere nella cosa che più gli esce bene: vincere. Perché sì, è solo questione di tempo: i due prescelti cannibalizzeranno molti record.

Condividi
Nato a Brescia nel marzo del 1992, ama lo sport in generale, soprattutto calcio, tennis e motori. Pratica i primi due a livello amatoriale senza grandi risultati. Appena può, ama seguire gli sport "dal vivo".