Copa Libertadores, 5/a giornata – Cruzeiro scatenato, importanti successi per Grêmio e LDU Quito

GIRONE A

Si chiudono con una giornata d’anticipo i giochi per quanto riguarda la qualificazione in questo gruppo. L’Internacional blinda il primo posto vincendo 1-0 in Perù contro l’Alianza Lima con gol di Rodrigo Moledo all’80’. I brasiliani cancellano così in parte la delusione per la sconfitta subita ai calci di rigore nella finale del campionato gaucho domenica scorsa.

Secondo posto per il River Plate, che anche vincendo l’ultima partita al Monumental non potrà raggiungere l’Inter. La squadra di Gallardo gioca una partita di grande personalità in Cile battendo 2-0 il Palestino con le reti di Pinola nel primo tempo e di Fernández nel secondo.

Palestino-River Plate  0-2  31′ Pinola, 63′ Fernández
Alianza Lima-Internacional  0-1  80′ Rodrigo Moledo

Classifica: Internacional 13, River Plate 9, Palestino 4, Alianza Lima 1

GIRONE B

Si conclude nel peggiore dei modi ancora una volta il percorso di Mohamed sulla panchina dell’Huracán. A pochi giorni dall’eliminazione dalla Copa de la Superliga per mano dei rivali del San Lorenzo, il Globo esce anche dalla Copa Libertadores. L’Emelec vince infatti 2-1 a Parque Patricios con le reti di Jaime e Angulo portandosi al secondo posto e lasciando gli argentini all’ultimo e tagliati fuori anche per il terzo posto. Al termine della partita Mohamed ha dato le sue dimissioni dall’incarico.

Tutt’altra aria si respira invece in casa Cruzeiro. Il percorso netto dei brasiliani continua infatti: quinta vittoria in altrettante partite grazie al 2-0 sul Deportivo Lara e primo posto blindato con le reti di Fred e Sassá. I venezuelani restano però in corsa: passerebbero in caso di vittoria contro l’Huracán e mancato successo dell’Emelec contro il Cruzeiro.

Deportivo Lara-Cruzeiro  0-2  31′ Fred, 78′ rig. Sassá
Huracán-Emelec  1-2  34′ Jaime (E), 72′ Angulo (E), 90′ Gamba (H)

Classifica: Cruzeiro 15, Emelec 6, Deportivo Lara 5, Huracán 1

GIRONE C

Grande impresa dell’Olimpia, che in inferiorità numerica pareggia al 90′ sul campo dell’Universidad Concepción. I cileni devono però mangiarsi le mani per aver buttato via due volte i tre punti. Dopo aver chiuso 2-0 con i gol di Cordero e Rubio il primo tempo, si sono fatti rimontare a inizio ripresa da Santa Cruz e Camacho. La rete di Ballón e l’espulsione di Silva sembravano poi aver nuovamente indirizzato la partita verso i padroni di casa, ma al 90′ ecco la doccia fredda di Ortiz a salvare l’imbattibilità della capolista.

Il colpo grosso in quello che probabilmente è il girone più equilibrato di quest’edizione lo fa allora il Godoy Cruz, che finora non aveva ancora vinto e invece ora è a un pareggio dagli ottavi di finale. Viera su calcio di rigore al 45′ e Lucero tre minuti dopo mettono al tappeto lo Sporting Cristal certificano il sorpasso in classifica. Ora al Tomba basterà pareggiare in casa contro l’Universidad Concepción nell’ultima giornata per essere agli ottavi.

Universidad Concepción-Olimpia  3-3  9′ rig. Cordero (U), 40′ Rubio (U), 55′ Santa Cruz (O), 64′ Camacho (O), 74′ Ballón (U), 90′ Ortiz (O)
Godoy Cruz-Sporting Cristal  2-0  45′ rig. Viera, 48′ Lucero

Classifica: Olimpia 9, Godoy Cruz 6, Universidad Concepción 6, Sporting Cristal 4

GIRONE D

Si riapre tutto nel Girone D. La LDU Quito infatti batte in rimonta 2-1 il Flamengo portandosi a due soli punti dalla coppia di testa formata dai brasiliani e dal Peñarol. Il Flamengo, fresco vincitore del campionato carioca, parte bene passando in vantaggio con Bruno Henrique al 19′. Anangonó e Chicaiza però ribaltano il risultato e ora gli ecuadoriani si giocheranno le loro ottime chance negli ultimi novanta minuti: battendo con almeno due gol di scarto il San José sarebbero quasi certi del passaggio del turno.

Questo perché il suicidio di giornata è quello del Peñarol, che con un pareggio avrebbe avuto praticamente la certezza di essere già agli ottavi di finale. Invece i gialloneri perdono 3-1 in Bolivia e ora si giocheranno tutto in una sfida da brivido col Flamengo al Centenario. Vista la differenza reti, ai brasiliani basterà invece un pareggio. Di Mena, Saucedo e Sanguinetti le reti della prima storica vittoria del San José in Copa Libertadores.

LDU Quito-Flamengo  2-1  19′ Bruno Henrique (F), 45′ Anangonó (L), 73′ Chicaiza (L)
San José-Peñarol  3-1  56′ Mena (S), 73′ Saucedo (S), 83′ aut. Mena (P), 88′ Sanguinetti (S)

Classifica: Flamengo 9, Peñarol 9, LDU Quito 7, San José 4

GIRONE E

Prosegue il clamoroso andamento statistico del Nacional. Gli uruguaiani infatti per la quinta volta in altrettante partite di questo girone chiudono la partita 1-0. E per la quarta volta è 1-0 in proprio favore (unica sconfitta contro il Cerro Porteño). Il gol di Carballo all’87’ costringe l‘Atlético Mineiro ad alzare bandiera bianca al termine di una pessima fase a gironi. I brasiliani ora dovranno difendere il terzo posto per andare almeno in Copa Sudamericana. Il Nacional invece si giocherà il primo posto ospitando a Montevideo il Cerro Porteño.

Poteva chiudere i giochi per vince il girone il Cerro Porteño, che invece incappa in una brutta sconfitta in Venezuela. Ora i paraguaiani dovranno uscire indenni da Montevideo per tenere alle spalle il Nacional. GonzálezRamírez invece firmano il 2-1 con cui lo Zamora aggancia a quota tre punti l’Atlético Mineiro: una vittoria nell’ultima giornata varrebbe il sorpasso sui brasiliani.

Atlético Mineiro-Nacional  0-1  87′ Carballo
Zamora-Cerro Porteño  2-1  45′ rig. González (Z), 51′ Ramírez (Z), 58′ Valdez (C)

Classifica: Cerro Porteño 12, Nacional 12, Atlético Mineiro 3, Zamora 3

GIRONE F

Il Palmeiras passeggia sul campo del Melgar e vincendo 4-0 si prende il primo posto del girone. Doppietta di Gustavo Scarpa e reti di Gómez e Moisés per i brasiliani in una partita mai in discussione.

Palmeiras che sorpassa così il San Lorenzo: ai brasiliani basterà un pareggio in casa nell’ultima partita per tenere dietro i rossoblù. La squadra argentina torna infatti a essere quella vista in campionato e perde malamente 1-0 in Colombia contro uno Junior finora fermo a zero punti. I colombiani potranno così ora giocarsi contro il Melgar la possibilità di centrare il terzo posto valido per andare in Copa Sudamericana.

Junior-San Lorenzo  1-0  13′ Rangel
Melgar-Palmeiras  0-4  10′ Gómez, 22′, 67′ Gustavo Scarpa, 81′ Moisés

Classifica: Palmeiras 12, San Lorenzo 10, Melgar 4, Junior 3

GIRONE G

Primo tempo pirotecnico in Colombia, col Deportes Tolima che va sul 2-0 contro il Boca Juniors in soli venti minuti grazie ai gol di Castro e Pérez. Gli argentini però si scuotono dopo lo shock iniziale e trovano in nove minuti le reti de pareggio con Zárate e Benedetto su calcio di rigore. Nella ripresa meglio il Boca, vicino al terzo gol con Benedetto. Il pareggio va comunque molto bene alla squadra di Alfaro, che conquista la qualificazione agli ottavi di finale e vincendo nell’ultima giornata alla Bombonera contro l’Atlético Paranaense sarebbe primo.

I rossoneri infatti perdono nell’insidiosa trasferta di Cochabamba. Finisce 3-2 per lo Jorge Wilstermann dopo che i brasiliani erano riusciti per due volte a pareggiare. Il gol decisivo lo segna Melgar su calcio di rigore all’88’ e ora i boliviani si giocheranno il terzo posto davanti ai propri tifosi: in caso di successo sul Deportes Tolima arriverebbero terzi andando in Copa Sudamericana.

Jorge Wilstermann-Atlético Paranaense  3-2  23′ Santos (J), 40′ Renan Lodi (A), 51′ rig. Ortiz (J), 57′ rig. Ruben (A), 88′ rig. Melgar (J)
Deportes Tolima-Boca Juniors  2-2  12′ Castro (T), 20′ Pérez (T), 35′ Zárate (B), 44′ rig. Benedetto (B)

Classifica: Atlético Paranaense 9, Boca Juniors 8, Deportes Tolima 5, Jorge Wilstermann 5

GIRONE H

Secondo successo consecutivo per il Grêmio, che infligge il primo ko al Libertad andando a vincere 2-0 ad Asunción. La doppietta di Everton sancisce la rinascita dei brasiliani, certificata anche dal titolo conquistato nel campionato gaucho, dopo una partenza complicata. Ora basterà un pareggio a Porto Alegre contro l’Universidad Católica per approdare agli ottavi di finale. Per i paraguaiani sconfitta indolore: erano infatti già certi del primo posto.

I cileni infatti dilapidano la clamorosa occasione di poter avere a disposizione due risultati su tre nella trasferta finale in Brasile. Avanti 1-0 sul campo del già eliminato Rosario Central con rete di Fuentes, l’Universidad Católica si suicida (sportivamente parlando) con Fuenzalida che infila la propria porta con un incredibile autogol all’80.

Libertad-Grêmio  0-2  29′, 84′ Everton
Rosario Central-Universidad Católica  1-1  23′ Fuentes (U), 80′ aut. Fuenzalida (R)

Classifica: Libertad 12, Grêmio 7, Universidad Católica 7, Rosario Central 2

In grassetto le squadre qualificate agli ottavi di finale

Condividi
Nato a Genova, dove vive attualmente. Ama molti sport tra cui basket, calcio, football americano e tennis. Segue il calcio italiano, europeo e sudamericano, con una forte passione per il campionato argentino.