Eredivisie, 13/a giornata: tris di PSV e Ajax, crisi nera per l’Heracles

La ripresa del Campionato in Olanda non regala grandi colpi di scena in termini di risultati: la tredicesima giornata di gare  sorride alle squadre della metà di destra della classifica, quasi tutte vittoriose ad eccezione di un Heracles in caduta libera nell’ultimo mese e mezzo.

Tredici su tredici per il PSV Eindhoven di Marc van Bommel, che al Philips Stadion non ha pietà dell’Heerenveen: nonostante lo spigliato avvio di gara dei Frisoni bastano undici minuti ai locali per trovare il vantaggio, con Bergwijn che semina il panico sul settore difensivo di destra degli ospiti per poi servire a Lozano un pallone da appoggiare in rete a porta vuota. I Frisoni si ribellano allo svantaggio e sfiorano il pareggio grazie a un’uscita a vuoto di Zoet, ma de Jong salva sulla linea; sul versante opposto Pereiro centra il legno, mentre un’errore di impostazione dell’altro estremo difensore, Hahn, costringe Thorsby a un fallo su Lozano che ne decreta l’espulsione. Sotto di un gol e di un uomo al cospetto dei Campioni d’Olanda in carica l’Heerenveen vede davanti a se un Everest da scalare senza bombole d’ossigeno, e a complicare di più le cose ai biancoazzurri ci pensa de Jong, che dopo aver salvato la propria porta infila quella avversaria con una stupenda rovesciata. A calare il tris ci pensa Lozano, che trova la doppietta, con il PSV Eindhoven che continua la sua marcia trionfale e si appresta ora a cercare di salutare al meglio l’Europa (almeno in casa) per la stagione 2018/19: al Philips Stadion, mercoledì prossimo, arriva il Barcellona.

In Europa è in ballo invece l’Ajax, che a Breda si impone con lo stesso risultato e con la stessa facilità del PSV Eindhoven. Senza Ziyech, indisponibile alla causa ajacide per qualche settimana in seguito all’infortunio patito in Nazionale, i Lancieri scendono in campo con la giusta mentalità sul campo del pericolante NAC e passano in vantaggio con lo sfortunato fuoco amico di Mashart a valle di una prima frazione dominata; vantaggio quantomai meritato per gli ospiti, che soffrono in avvio di ripresa il tentativo di reazione locale ma trovano il gol che blinda i tre punti con Zakaria Labyad, finalmente decisivo per l’Ajax, che al 54′ trova uno splendido destro volante sul palo lontano. Il timbro finale sul successo dell’Ajax lo pone Huntelaar sotto misura, con i Lancieri che quindi arrivano nel migliore dei modi alla sfida di Atene con l’AEK, che può regalare ai biancorossi un Ottavo di Champions League a distanza di 12 anni dall’ultima volta.

Molto meno in scioltezza il successo del Feyenoord, che al De Kuip regola 1-0 il Groningen: decide Toornstra dopo soli sette minuti di gioco, con i Rotterdammers che subiscono per lunghi tratti della gara la verve degli ospiti, che centrano anche un legno con il giapponese Doan. Con l’1-0 sul Groningen i ragazzi di van Bronckhorst, ancora in attesa di recuperare la gara casalinga contro il Venlo, si ritagliano un margine di sei punti di vantaggio su un Heracles in crisi nera. I ragazzi di Wormuth, vengono travolti 3-0 a Sittard dal Fortuna, che si conferma una vera e propria matricola terribile tra le mura di casa dove ha lasciato l’intera posta in palio solamente a PSV Eindhoven ed Ajax infilando per il resto tre vittorie e due pareggi; Diemers, Stokkers ed El Messaoudi acuiscono il momento nero dell’Heracles, che da ottobre in avanti ha inanellato quattro sconfitte in sei gare cui va sommata l’eliminazione in Coppa d’Olanda per mano del Vitesse.

Proprio il Vitesse, assieme all’Utrecht, supera in classifica l’Heracles Almelo confermandosi tra le compagini più in forma del momento: i gialloneri espugnano Tilburg potendosi godere l’impatto sempre più incisivo dell’algerino Darfalou, chiamato a non far sentire troppo la mancanza dell’infortunato Matavž, che nella gara contro i Tricolores ha favorito lo 0-1 di Bero con un ottimo colpo di tacco prima di mettersi in proprio in occasione del raddoppio. L’altra nota lieta per Slutsky è l’apporto sempre più decisivo di Martin Ødegaard, che all’interno di un’ottima partita regala a Linssen il pallone del 3-0 prima del definitivo 3-1 di Fran Sol. Vince e convince sempre più anche l’Utrecht di Advocaat, che al Galgenwaard demolisce 5-0 il De Graafschap: van de Streek, Janssen e Kerk fanno 3-0 già tra il 14′ e il 24′, con il classe ’99 Venema che nel finale entra e referta la doppietta che mette il punto esclamativo al successo dell’Utreg.

In zona Europa la sfida più intrigante era forse quella di Venlo che chiudeva il programma domenicale, tra VVV e AZ Alkmaar in calce alla zona che garantisce l’accesso ai playoff di Europa League. Appaiate a 18 lunghezze prima della sfida dell’ultimo turno di Campionato, le due compagini sono protagoniste di un incontro che sembra voler premiare i Cheesefarmers sul 2-0 già al 15′ con il rigore vincente di Koopmeiners e lo splendido assolo di Idrissi. Sembra fatta per i biancorossi, ma un banale errore in impostazione porta al gol dell’1-2 di Mlapa alla mezz’ora, e nel finale il forcing finale degli ospiti porta al 2-2 di un Venlo che al 91′ subisce l’espulsione del neo-entrato van Oijen, ma al 94′ trova il sinistro a giro vincente di Joosten che fa esplodere di gioia il pubblico locale costretto a passare anche per l’ansiogeno verdetto del VAR.

A metà classifica risale quindi il Fortuna Sittard, così come l’ADO Den Haag e l’Excelsior protagonisti di due exploit non da poco nel finale: i gialloverdi, trascinati da un El Khayati per cui ormai sono pochi gli aggettivi innovativi, replicano due volte ai vantaggi dello Zwolle e nel finale centrano il bersaglio grosso con il gol di Bas Kuipers che fa scattare la contestazione del pubblico del MAC³PARK , costretto a vedere arrancare a 11 punti una compagine che nel confronto con la passata stagione registra ben 14 punti in classifica in meno, e dopo aver cullato il sogno playoff per una stagione oggi è a un solo punto di vantaggio sulla Nacompetitie. Nel finale l’Excelsior passa ad Emmen, ribaltando con le reti di Messaoud e Koolwijk l’iniziale vantaggio locale refertato da Jansen; la parte destra della classifica vede quindi il NAC Breda fanalino di coda a 8 punti in classifica, con Groningen e De Graafschap che oggi disputerebbero i playout.

EREDIVISIE 2018/19 – 13/a giornata

sabato 24/11
Zwolle-ADO Den Haag  2-3  7′ Lam (Z), 17′ rig. El Khayati (A), 18′ Leemans (Z), 24′ El Khayati (A), 87′ Kuipers (A)
NAC Breda-Ajax  0-3  40′ aut. Mashart, 54′ Labyad, 90′ Huntelaar
PSV Eindhoven-Heerenveen  3-0  11′ Lozano, 52′ de Jong, 66′ Lozano
Fortuna Sittard-Heracles Almelo  3-0  17′ rig. Diemers, 31′ Stokkers, 63′ El Messaoudi

domenica 25/11
Emmen-Excelsior  1-2  47′ Jansen (EM), 60′ Messaoud (EX), 89′ Koolwijk (EX)
Utrecht-De Graafschap  5-0  14′ van de Streek, 17′ Janssen, 24′ Kerk, 80′ e 89′ Venema
Feyenoord-Groningen  1-0  7′ Toornstra
Willem II-Vitesse  1-3  13′ Bero (V), 35′ Darfalou (V), 44′ Linssen (V), 87′ rig. Fran Sol (W)
VVV Venlo-AZ Alkmaar  2-2  7′ rig. Koopmeiners (A), 15′ Idrissi (A), 30′ Mlapa (V), 90’+4 Joosten (V)

La classifica dopo l’13/a giornata

PSV Eindhoven39
Ajax34
Feyenoord*26
Vitesse21
Utrecht21
Heracles Almelo20
VVV Venlo*19
AZ Alkmaar19
Fortuna Sittard 16
ADO Den Haag15
Excelsior15
Heerenveen14
Willem II13
Emmen13
Zwolle11
Groningen10
De Graafschap10
NAC Breda8

Legenda:

Campione – Preliminari Champions League
Preliminari Champions League
Playoff Europa League
Spareggi Europa League
Nacompetitie
Retrocessa

 

Condividi
Nato a Roma nel 1989, si avvicina al calcio grazie all’arte sciorinata sui campi da Zidane. Nostalgico del “calcio di una volta”, non ama il tiki-taka, i corner corti e il portiere-libero.