Eleonora Goldoni, il suo calcio azzurro negli States

-

“Ferrara ha ospitato questa mattina la prima di una serie di iniziative previste per promuovere il match tra la Nazionale Femminile e il Belgio valido per le qualificazioni al Mondiale in programma il prossimo 10 aprile allo stadio ‘Paolo Mazza’. Eleonora Goldoni, centrocampista della Nazionale Femminile classe ’96 e nativa proprio di Ferrara, ha incontrato gli studenti del Liceo Ludovico Ariosto, l’istituto dove lei stessa ha studiato prima di trasferirsi negli Stati Uniti.”

Questo piccolo trafiletto di presentazione della sfida Italia-Belgio a Ferrara il prossimo 10 aprile, pubblicato qualche giorno fa sul sito della FIGC, mi ha fatto venire in mente la storia di Eleonora Goldoni, talento ferrarese del calcio femminile italiano che ha deciso di proseguire la sua carriera, sportiva e non, in America. E credo che sia il caso di parlarne.

Chi è Eleonora Goldoni? Eleonora è, come dice lei stessa, “una persona normale, che ha avuto l’occasione di poter lavorare sulle sue passioni”. Nasce il 16 febbraio 1996 e cresce con la famiglia a Finale Emilia dpve dimostra fin da piccola una propensione per lo sport e per le arti, affinando le sue doti artistiche studiando canto, danza e recitazione, ma la passione per il calcio nasce quando, a cinque anni, assiste con i suoi genitori ad una partita allo Stadio Giuseppe Meazza.

La piccola Eleonora brucia le tappe e all’età di sette anni inizia a giocare a calcio nelle formazioni miste giovanil del Finale, società del comune di residenza, fino alla categoria Allievi. Raggiunti i limiti d’età per giocare con i maschietti, nel 2009 decide di tesserarsi con il New Team Ferrara per giocare in una formazione interamente femminile: qui il suo talento viene fuori e in Serie C  l’attaccante è protagonista di una stagione 2012-2013 spettacolare culminata nelle vittoria del campionato, della coppa e dlla supercoppa regionale e del titolo di capocannoniere. Dopo aver contribuito alla vittoria del campionato di calcio a 5 Uisp con un centinaio di goal gioca in Serie B Femminile prima di rispondere alla chiamata della East Tennessee State University (ETSU) di Johnson City, Tennessee, entra a far parte della formazione di calcio universitario femminile delle Lady Buccaneers. Nel frattempo viene selezionata nella squadra della rappresentativa regionale e successivamente nelle nazionali giovanili Under 15, Under 17, Under 19 e attualmente Under 23 Femminili.

Nel frattempo Eleonora comincia a pensare anche al suo futuro e si appassiona all’alimentazione e alla nutrizione e studia all’Università presso la facoltà di Allied Health Science Concentration in Nutrition (l’equivalente della nostra Scienze della Nutrizione) perchè reputa estremamente importante coltivare in maniera corretta e sana il fisico, abbinando sport e alimentazione, e perchè è convinta che una sana nutrizione incida sulla nostra salute, sulle performance sportive, sul nostro benessere e di conseguenza sia determinante per il nostro futuro. Questa convinzione la porta anche a tenere per breve tempo una rubrica sul sito calciofemminileitaliano.it.

Ora la giovane attaccante di 21 anni si ritrova tra le convocate della tecnica Milena Bertolini e si troverà a casa sua, a Ferrara, per la sfida allo Stadio Mazza del 10 aprile contro il Belgio, in un match valido per le qualificazioni alla Coppa del Mondo. Un sogno che finalmente si avvera: “Grazie infinite alla mia bella città di Ferrara, grazie alle persone, all’affetto, il sostegno e l’interesse mostrato in questi giorni. Ora non resta che impegnarsi come mai prima d’ora. Sono pronta a lavorare duramente e imparare tanto. Con sacrificio e passione i risultati prima o poi arriveranno”. Da canto nostro possiamo solo augurarle: good luck, Eleonora.

Stefano Pellone
Stefano Pellone
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile.

L’anatema di Maurìto

Dietro questo pezzo c'è una premessa, che sa di promessa fatta ad uno dei caporedattori storici di Mondopallone. Non faccio il nome per motivi...
error: Content is protected !!