La Pink Bari Calcio Femminile ribatte alle accuse della FC Bari 1908

Acque molto agitate a Bari tra la FC Bari 1908 del Presidente Cosmo Giancaspro e la Pink Bari Calcio Femminile della Presidentessa Alessandra Signorile dopo che il Tribunale Federale Nazionale della FIGC (C.U. N.40 del TFN – Sezione disciplinare 2017/2018) ha inflitto al dott. Giancaspro, Presidente della FC Bari 1908, 10 giorni di inibizione e alla Società FC Bari 1908 ben 10.000 euro di ammenda per non aver adempiuto agli impegni assunti come previsto al titolo III – Criteri sportivi ed Organizzativi del Sistema Licenze Nazionali per l’ammissione ai Campionati Professionistici di Serie B.

Secondo la sentenza, la Fc Bari 1908 non si sarebbe dotata di ulteriori calciatrici Under 12 per il campionato in corso, come da regolamento, e nelle sue difese la formazione maschile ha affermato che, nonostante i tentativi di rispettare gli impegni presi, gli stessi non sarebbero stati onorati perchè la Pink Bari si sarebbe rifiutata immotivatamente di sottoscrivere l’accordo di licenza. La squadra femminile, chiamata in causa e additata come responsabile indiretta della multa comminata alla FC Bari 1908, passa al contrattacco e ha pubblicato un comunicato stampa in cui ha esposto alcune precisazioni.

Queste le parole: “La collaborazione tra i due club, cominciata nella stagione 2014/2015, era mirata a programmare un’evoluzione del calcio femminile a Bari e, in particolare, la strutturazione del movimento del calcio femminile cittadino, in sinergia, come previsto dalla normativa federale, con la massima espressione societaria calcistica professionistica maschile del capoluogo, ovvero la Fc Bari 1908. Condizioni, queste, che non si sono mai realizzate nei fatti, non certo per responsabilità riconducibili alla Pink Bari. Le strade percorribili, infatti, da parte della Fc Bari 1908 erano tre, per la stagione sportiva 2016/2017: tesserare ulteriori 12 atlete under rispetto alla stagione precedente ovvero, considerato che tale tesseramento integrativo non è mai avvenuto, acquisire il titolo di una società sportiva femminile di serie A o serie B (come avvenuto in altre realtà) o sottoscrivere un accordo di licenza, per l‘utilizzo della denominazione, del marchio e dei segni distintivi, con espressa assunzione da parte della società maschile di farsi carico degli oneri di gestione.

Al termine della stagione sportiva scorsa, conclusa con l’entusiasmante promozione in serie A e il riconoscimento di essere scuola calcio elité, del sodalizio femminile, l’Fc Bari 1908 a pochi giorni dalla scadenza, ha reso manifesta l’inequivocabile volontà di non acquisire il titolo sportivo della Pink Bari, proponendo un accordo di licenza in cui gli oneri di gestione fossero unicamente riconducibili alla fornitura di materiale sportivo. E a questo punto si cade, anzi si scade nel comico o nel kafkiano.

Una proposta che riteniamo non solo inaccettabile dal punto di vista del rispetto della normativa, priva di principi economici e progettuali, rispetto agli impegni assunti ad inizio stagione, ma soprattutto lesiva della dignità umana e sportiva di una società come la Pink, che senza mai chiedere l’elemosina a chicchessia, ha portato avanti, in oltre un decennio, un lavoro capillare sul campo e in ambiti sociali, che ha permesso non solo di tagliare traguardi sportivi che sono sotto gli occhi di tutti (due promozioni in serie A in tre anni e riconoscimento della scuola calcio femminile come elité nel panorama nazionale), ma anche di creare un settore giovanile ormai tra le eccellenze nazionali in termini di tesserate e in grado di sfornare talenti stabilmente nelle selezioni nazionali di categoria, uno staff di collaboratori competenti e professionali e una rete di partners sana e pienamente coinvolta nel progetto, il tutto consolidato da bilanci sempre trasparenti.

Non accettiamo, pertanto, critiche e illazioni di chi prova, maldestramente, a buttarci fango addosso, accusandoci di avere immotivatamente non sottoscritto un accordo e che evidentemente pensava di utilizzare, con il minimo sforzo e senza quella vena imprenditoriale troppo spesso sbandierata a caso sugli organi di stampa, quale mero adempimento burocratico per eludere un obbligo normativo ed evitare una sanzione così come previsto dalla FIGC. Noi proseguiremo a testa alta. E pazienza se alcune società settentrionali potranno contare sulla collaborazione ben più seria di club maschili: come abbiamo fatto finora cercheremo di abbinare alle poche risorse i massimi risultati, puntando sulla professionalità dei nostri dirigenti, dei nostri tecnici e delle nostre atlete e sul sostegno incondizionato dei nostri tifosi biancorossi”.

Condividi
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile.