Lanciata a Brisbane la Rugby League World Cup

Presentata questa mattina al Sofitel di Brisbane la Rugby League World Cup 2017, giunta alla sua quattordicesima edizione. Ct e capitani di ognuna delle nazionali al via si sono riuniti per una sessione collettiva e individuale di foto, video e interviste con i media.

Hanno rappresentato l’Italia il capo allenatore Cameron Ciraldo e il capitano Mark Minichiello. Non si può dire che manchi loro l’esperienza ai massimi livelli: Ciraldo, ex giocatore di NRL, è stato vice-capitano della Nazionale alla scorsa Coppa del Mondo, mentre Minichiello, fratello minore della leggenda Anthony, è uno dei leader riconosciuti di Hull FC, squadra reduce da due vittorie consecutive nella Challenge Cup inglese.

Courtesy @NRLPhotos e RLWC

L’abitudine a confrontarsi con avversari di spessore è certamente un punto di forza di Cameron Smith, capitano dell’Australia campione del Mondo e favorita anche quest’anno per il successo finale. “La RLWC è la competizione internazionale più importante nel nostro sport. Come nazionale australiana, non abbiamo bei ricordi dell’ultima volta in cui è stata giocata qui (finale persa a sorpresa contro la Nuova Zelanda, ndr) e quindi questo è uno stimolo ancora maggiore”.”

La RLWC celebra il rugby League e penso che chiunque sia coinvolto in questo torneo ce la metterà tutta. Non rimarranno delusi gli spettatori – insiste il fuoriclasse dei Melbourne Storm – ci saranno partite davvero interessanti, con tanti giocatori di talento in campo: non vedo l’ora si inizi. Tante delle attenzioni e dei discorsi miei e di coach Meninga riguarderanno la necessità di concentrarsi fin da subito e di partire forte già nella gara contro gli inglesi venerdì. Del resto, perdere questo match ci metterebbe in una posizione scomoda nel percorso dei quarti e delle semifinali”.

Accetta la sfida Sean O’Loughlin, capitano dell’Inghilterra reduce da 3 eliminazioni consecutive in semifinale: “Wayne Bennett, il nostro coach, si sta concentrando molto sull’approccio mentale. Vuole tenere in tensione e sotto pressione i ragazzi, così che siano performanti sin dalle piccole cose. Dal nostro punto di vista, iniziare bene sarebbe importantissimo, ma allo stesso modo ci interessa venire su alla distanza e migliorare la nostra forma gara dopo gara”.

La Rugby League World Cup apre i battenti venerdì con la super sfida tra Australia e Inghilterra. Esordio della nazionale italiana programmato per venerdì contro l’Irlanda a Cairns.

FontePhotoshop courtesy @NRLPhotos e RLWC
Condividi
Sardo classe 1987, ama il rugby, il calcio e i supplementari punto a punto. Già redattore di Isolabasket.it e della rivista cagliaritana Vulcano, si è laureato in Lettere con una tesi su Woody Allen.