UFFICIALE – Manchester City, si svincolano in quattro: addio a Caballero, Sagna, Navas e Clichy

Willy Caballero, Bacary Sagna, Gaël Clichy e Jesus Navas: sono questi i nomi più illustri tra i giocatori del Manchester City che lasceranno la squadra in estate, al termine del proprio contratto. Quattro addii illustri per i Citizens, che mettono così sul mercato dei parametri zero diversi elementi di esperienza e con un curriculum di grandissimo livello, ma ormai fuori dai piani di Guardiola.

Saluta così, innanzitutto, Caballero, che lascia l’Ethiad Stadium dopo 3 anni e una stagione vissuta a sorpresa come protagonista dei Citizens tra i pali. Grazie alla partenza di Hart e alle prestazioni assai altalenanti di Bravo, il portiere argentino è riuscito a trovare molto più spazio rispetto al previsto, finendo per disputare in questa stagione ben 27 partite in tutte le competizioni: un numero di presenze assai importante per quello che, nei piani di Guardiola, sarebbe dovuto essere a tutti gli effetti il secondo portiere. Nonostante la stagione discretamente positiva per il 35enne, però, la società ha deciso di non rinnovargli il contratto: probabile, pertanto, l’arrivo di un nuovo colpo in porta per il City, deciso a rimpiazzare il rientrante (ma destinato ad andarsene ancora) Hart e il deludente Bravo.

Finisce l’avventura al Manchester City anche per i terzini Sagna e Clichy: arrivati a parametro rispettivamente 3 e 6 anni fa, i due francesi ex Arsenal erano ormai da tempo considerati come tra i sicuri partenti in estate, al termine di una stagione assai deludente e in evidente calo, tanto da costringere Guardiola spesso a reinventarsi la difesa pur di non schierarli (si pensi agli esperimenti Fernandinho e Jesus Navas terzini). Possibile una permanenza di entrambi in Premier League, mentre i Citizens sono già pronti per tornare sul mercato per trovare i sostituti adeguati sulle fasce.

Infine, sarà addio anche per Jesus Navas: arrivato nel 2013 dal Siviglia per 30 milioni di euro e presentato da Pellegrini come uno dei grandi colpi dell’estate, lo spagnolo ha faticato a mettersi in mostra all’Ethiad Stadium, cancellando l’immagine di quel giocatore veloce e imprendibile sulle fasce mostrata in Liga. Guardiola ha tentato di trasformarlo persino in un terzino pur di offrirgli spazio da titolare, ma le prestazioni troppo altalenanti sono state decisive per convincere i Citizens a non rinnovargli il contratto, lasciandolo partire a parametro zero.