Tutto facile per la Roma: 4-1 a Pescara e ora Napoli a -4, abruzzesi matematicamente in Serie B

La Roma trionfa agevolmente a Pescara vincendo 4-1: decisivi la doppietta di Salah e le reti di Strootman e Nainggolan, inutile il gol della bandiera di Benali per i biancazzurri. I giallorossi tornano a più 4 dal Napoli nella lotta al secondo posto, altra brutta sconfitta per la squadra di Zeman che retrocede matematicamente in Serie B. 

Decisa ad approfittare dell’inaspettato pareggio del Napoli per blindare il secondo posto, la Roma parte subito all’assalto, costringendo il Pescara a rimanere sulla difensiva: Fiorillo è bravo a respingere in un paio di occasioni sui tiri di El Shaarawy e Džeko, ma l’occasione migliore la crea Nainggolan, il cui destro di potenza si stampa sulla traversa. Nel finale dei primi 45′ i ritmi si abbassano (Bahebeck, anzi, ha una buona occasione per portare avanti i padroni di casa), ma è proprio negli ultimi minuti di gioco che i giallorossi colpiscono con un devastante uno-due: prima, su un gran lancio di Paredes, El Shaarawy è bravo a inserirsi, per poi servire Strootman, che a porta vuota non sbaglia; poi Džeko, servito troppo lungo da Salah, si reinventa assistman e serve al centro Nainggolan, che tutto solo non ha problemi a battere Fiorillo.

Nella ripresa cambia poco la storia della gara: con un’altra serie veloce di passaggi di prima, la Roma manda al bar gli spaesati difensori biancazzurri, permettendo a Salah di liberarsi da fuori area e scagliare un bel tiro a giro che si spegne alle spalle del portiere e trovando il 3-0. La squadra di Spalletti continua a regalare spettacolo e poco dopo arriva anche il poker che chiude la gara: contropiede velocissimo dei giallorossi, con El Shaarawy in grande giornata che accelera e serve in mezzo ancora Salah, freddo nel siglare la doppietta personale. Nel finale, gli ospiti abbassano decisamente i ritmi e il Pescara ne approfitta per trovare almeno la rete della bandiera: Memushaj mette un pallone teso in mezzo all’area e Benali anticipa Manolas, battendo così Szczęsny. All’Adriatico finisce dunque qui: la Roma trionfa 4-1 e allunga nuovamente a più 4 dal Napoli, mentre il Pescara saluta aritmeticamente la Serie A con l’ennesima, pesante sconfitta di questa stagione.

PESCARA-ROMA  1-4  (0-2)

Pescara (4-3-3): Fiorillo; Zampano, Bovo, Coda (80′ Fornasier), Biraghi; Coulibaly (67′ Verre), Muntari (46′ Bruno), Memushaj; Benali, Caprari, Bahebeck. A disp.: Bizzarri; Crescenzi, Kastanos, Brugman, Cerri, Mitriță, Murić, Miličević. All.: Zeman
Roma (4-2-3-1): Szczęsny; Rüdiger, Manolas, Fazio, Emerson (80′ Juan Jesus); Paredes (82′                        Perotti), Strootman; Salah, Nainggolan, El Shaarawy; Džeko (71′ Grenier). A disp.: Alisson, Lobonț; Vermaelen, Mário Rui, De Rossi, Gerson. All.: Spalletti
Arbitro: Irrati della sez. di Pistoia
Marcatori: 44′ Strootman (R), 45′ Nainggolan (R), 48′ e 60′ Salah (R), 83′ Benali (P)
Note-Ammoniti: Biraghi, Muntari (P)