Francia 2016 – Il Portogallo si ferma al palo, l’Austria strappa lo 0-0

A caccia di riscatto entrambe dopo il deludente avvio di Europeo, Portogallo-Austria chiudono la seconda giornata nel Gruppo F: il Portogallo domina per lunghi tratti gli austriaci, ma non riesce ad andare oltre lo 0-0 anche a causa dei legni centrati da Nani e Cristiano Ronaldo, che sciupa un rigore a dieci minuti dalla fine.

Come contro l’Islanda, il Portogallo lascia agli avversari la prima nitida palla gol della contesa: corre il terzo minuto quando, su cross di Sabitzer, Harnik sul secondo palo non trova la porta dall’area piccola. Gli austriaci tengono bene il campo, ma il Portogallo alza gradualmente il proprio baricentro, non sbloccando però la contesa per le polveri bagnate di Ronaldo (due clamorosi errori dell’asso del Real) e Nani (che al 29′ trova il palo di testa. I ritmi compassati dei lusitani permettono agli austriaci di contenere gli assalti avversari; l’ultimo squillo della prima frazione è proprio dei bianchi, a un passo dalla rete con una punizione tagliata di Alaba salvata sulla linea del pronto recupero di Vieirinha.

L’avvio di ripresa emula i primi minuti di match, con gli austriaci che si rendono pericolosi con la legnata di Ilsanker da trenta metri che testa i riflessi di Rui Patrício. Il Portogallo comincia a giocare al 50′, ma questa volta può farsi forte anche della verve di Cristiano Ronaldo, che con una legnata da 30 metri e di testa sugli sviluppi di corner chiama Almer a due interventi miracolosi. La spinta portoghese si affievolisce con il passare dei minuti, ma i lusitani rischiano di pescare il jolly al minuto 79: su cross di Guerreiro dal fondo, Hinteregger affossa Ronaldo in area di rigore, ma dal dischetto lo stesso Ronaldo centra il legno. Il rigore fallito dall’attaccante del Real Madrid, e il gol (giustamente) annullatogli pochi minuti dopo, sono gli emblemi migliori di una gara che, pur dominando, il Portogallo non riesce a far sua: a Parigi, finisce 0-0.

PORTOGALLO-AUSTRIA 0-0 (0-0)

Portogallo (4-3-3): Rui Patrício 6; Vieirinha 6, Pepe 6.5, Carvalho 6, Guerreiro 6.5; Moutinho 5.5, Wiliam Carvalho 6.5, André Gomes 6.5 (83′ Éder sv); Quaresma 6 (71′ João Mário 5.5), Ronaldo 5.5, Nani 6 (89′ Rafa Silva sv). A disp.: Anthony Lopes, Eduardo, Bruno Alves, Josè Fonte, Danilo, Eliseu, Sanches, Cedrid, Adrien Silva. All.: Fernando Santos 5.5.
Austria (4-2-3-1): Almer 7; Klein 6, Prödl 7, Hinteregger 6.5,  Fuchs 6.5; Ilsanker 7 (90′ Wimmer sv), Baumgartlinger 6.5; Sabitzer 5.5 (85′ Hinterseer sv), Alaba 4.5 (65′ Schöpf 5.5), Arnautovic 6; Harnik 5.5. A disp.: Lindner, Özcan, Suttner, Garics, Jantscher,  Janko, Okotie. All.: Koller 6.
Arbitro: Rizzoli (Italia).
Marcatori:
Note – Ammoniti: Quaresma, Pepe (P); Harnik, Fuchs, Hinteregger,  Schöpf (A).