City, pari prezioso in terra di Francia: è 2-2 in casa del Paris Saint-Germain

-

Derby degli sceicchi al Parco dei Principi, dove Paris Saint-Germain e Manchester City vanno a caccia della loro prima semifinale di Champions League: non manca lo spettacolo nella capitale parigina, dove i padroni di casa sciupano un rigore con Ibra, rimontano lo 0-1 di De Bruyne con lo svedese e Rabiot, ma subiscono il 2-2 di Fernandinho, che rimanda il verdetto alla gara dell’Etihad.

Apparentemente liberi dai fantasmi da Champions gli inglesi partono forte, sorprendendo il Paris Saint-Germain che patisce la sfrontatezza degli ospiti in avvio. Il City accumula angoli in sequenza, ma al primo affondo il City si guadagna un penalty: per una volta però, Ibrahimović tradisce il Paris, facendosi ipnotizzare da Hart. Pochi minuti, e ancora lo svedese sciupa una colossale occasione da rete, lanciato in profondita da Thiago Motta. Ritrattosi ai primi affondi dei locali il City ringrazia, e grazie a un contropiede da manuale passa in vantaggio al 38‘ grazie a Kevin De Bruyne: gol pesantissimo, che gli inglesi non fanno in tempo a festeggiare perchè un incredibile svarione di Fernando si trasforma nell’1-1 firmato Ibrahimović che manda le squadre all’intervallo.

Nella ripresa il Paris Saint-Germain cambia decisamente registro: i transalpini spingono con veemenza, e completano la rimonta al 60′ con Rabiot, bravo a ribadire in rete una corta respinta di Hart su inzuccata di Cavani sugli sviluppi di un angolo. I locali sono ora in pieno controllo del match, e solo la traversa nega ad Ibrahimović la terza marcatura francese; come da legge non scritta, al mancato 3-1 segue al 72′ il 2-2 di Fernandinho, bravo ad approfittare di un pasticcio della terza linea parigina. In uno spettacolare finale entrambe le contendenti cercano il set-point, ma il risultato non cambia più: gongola il City, si rammarica il Paris Saint-Germain. Ma la contesa, è ancora tutt’altro che definita.

PARIS SAINT-GERMAIN-MANCHESTER CITY 2-2 (1-1)

Paris Saint-German (4-3-3): Trapp 6; Aurier 5 (78′ Marquinhos sv), Thiago Silva 6, David Luiz 5, Maxwell 6.5; Rabiot 6.5 (78′ Lucas sv), Thiago Motta 6, Matuidi 6.5; Di María 7, Ibrahimović 6, Cavani 6.5. A disp.: Sirigu, van der Wiel, Kurzawa, Stambouli, Augustin. All.: Blanc 6.5.
Manchester City (4-2-3-1): Hart 6.5; Sagna 6, Otamendi 5.5, Mangala 6, Clichy 6.5; Fernando 5.5, Fernandinho 7; Navas 6, Silva 7 (88′ Bony sv), De Bruyne 6.5 (77′ Delph sv); Agüero 5.5 (90’+3 Kolarov sv). A disp.: Caballero, Zabaleta, Demichelis, Iheanacho. All.: Pellegrini 6.5.
Arbitro: Mažić (Serbia).
Marcatori: 38′ De Bruyne (MC), 41′ Ibrahimović (PSG), 60’Rabiot (PSG), 72′ Fernandinho (MC)
Note – Ammoniti: David Luiz, Matuidi (PSG); Clichy, Fernando, Mangala, Navas (MC).

Michael Anthony D'Costa
Michael Anthony D'Costa
Nato a Roma nel 1989, si avvicina al calcio grazie all’arte sciorinata sui campi da Zidane. Nostalgico del “calcio di una volta”, non ama il tiki-taka, i corner corti e il portiere-libero.

Addio Pasquale Casillo, viva Zemanlandia!

Lo chiamavano il “re del grano”, perché negli anni ’80 raggiunse il successo diventando il principale esportatore di grano dal Sudamerica su scala globale....
error: Content is protected !!