Viareggio Cup 2016 – Inter e Spezia sconfitte, la finale è Palermo-Juventus

La Viareggio Cup 2016 ha designato le squadre che, nella finalissima di mercoledì 30 marzo, si contenderanno questa 68/a edizione. Sarà un ultimo atto inedito per la competizione, vista la presenza del Palermo (che non ha mai partecipato a una finale). Ai rosanero sarà opposta la Juventus, che è invece alla caccia del nono titolo complessivo.

Nella prima semifinale, il Palermo sconfigge l’Inter per 3-2. Partenza a razzo dei siciliani, che dopo appena 4′ sono già in vantaggio di due gol: la prima marcatura arriva ad opera del difensore Maddaloni, abile a scaraventare la palla in rete da pochi passi sugli sviluppi di un calcio d’angolo; la seconda perviene solo 120” dopo, grazie a rigore realizzato dal bomber La Gumina. L’Inter è sotto choc e si fa nuovamente trovare impreparata al minuto 17, quando lo stesso attaccante rosanero si ripete con una perfetta punizione dal limite che scavalca la barriera e non lascia scampo a Radu. Con la forza della disperazione i nerazzurri cercano di farsi sotto e accorciare le distanze: ci riescono a quattro minuti dal riposo, quando Gyamfi corregge in rete una difettosa respinta del portiere Marson. Nel secondo tempo l’Inter trova quasi subito il gol del 3-2, grazie a un perentorio colpo di testa di Correia, e da quel momento cinge d’assedio l’area del Palermo che prova a difendersi col calma e ordine. Calma che, evidentemente, difetta a qualcuno, visto che il numero 3 interista Sobacchi si fa espellere dall’arbitro per aver protestato troppo animatamente. Il Palermo resiste e, come detto, vola in finale per la prima volta nella sua storia.

Nella seconda semifinale, invece, la Juventus ha ragione dello Spezia solo dopo i calci di rigore. Partita spettacolare anche questa, finita 2-2 nei tempi regolamentari: a sbloccare lo 0-0 di partenza ci pensa Filipovic a un minuto dal termine del primo tempo, grazie a un a correzione sottomisura su pregevole assist di Okereke. Nella ripresa la Juve pareggia: al 53′ è Lirola a riequilibrare l’incontro, grazie a un colpo di testa che non lascia scampo al portiere spezzino. I bianconeri di Grosso capovolgono il risultato cinque minuti più tardi: è una sfortunata autorete di Schiattarella, su un cross dello scatenato Lirola, a determinare il 2-1. Ma lo Spezia, spinto dal tifo incessante dei propri sostenitori (la partita si gioca al Picco), riesce siglare il gol del 2-2 nei minuti di recupero: calcio d’angolo e colpo di tacco vincente di Maggiore. È la rete che porta le due squadre ai rigori. Nella lotteria dei penalty è la Juventus a spuntarla: a oltranza è Severin che regala alla Vecchia Signora la quattordicesima finale.

Risultati:
Palermo-Inter  3-2  3′ Maddaloni (P), 5′ rig. La Gumina (P), 17′ La Gumina (P), 36′ Gyamfi (I), 44′ Correia (I)

Spezia-Juventus  4-5 d.c.r (2-2)  39′ Filipovic (S), 53′ Lirola (J), 58′ aut. Schiattarella (J), 80’+4 Maggiore (S)