Coppa di Grecia – AEK-Atromitos rinviata, Kontonis vuole annullare la competizione

Dopo i nuovi episodi di violenza avvenuti ieri sera al Toumba di Salonicco nella semifinale di Coppa di Grecia tra PAOK e Olympiakos, il Ministro dello Sport, Stavros Kontonis, prepara una batosta che rimarrà nella storia. I tifosi di AEK e Atromitos hanno ricevuto lo stop ufficiale poche ore fa: la seconda semifinale, in programma stasera, non avrà luogo. E si prospetta un clamoroso annullamento della competizione intera.

Tutto nasce verso l’88’ minuto della gara di Salonicco, quando Robert Mak viene steso in area da Stefanos Kapino, in un’azione fallosa che sembrerebbe da rigore netto. Le veementi proteste dello slovacco, che verrà poi espulso per aver insultato pesantemente l’arbitro, danno origine a un’invasione di campo come non se ne vedevano da tempo. La polizia in tenuta antisommossa riesce a tenere a bada le decine di tifosi scesi dagli spalti (13 arresti), ma nell’impianto bianconero restano roghi, seggiolini divelti, spranghe e cartelloni in pezzi.

Come prevedibile, la riunione straordinaria tenuta dal ministro in persona non prospetta buone notizie: tutte le partite vengono cancellate fino a nuovo ordine, saranno varate nuove misure ancor più stringenti per la Super League e molto probabilmente la Coppa di Grecia verrà sospesa. Quest’ultima resta un’ipotesi non ufficiale, ma altamente probabile. La parlamentare di Syriza Olga Gerovasili avrebbe infatti confermato a un giornalista la ferma intenzione da parte di una buona fetta del partito di approvare questo atto straordinario, ma tutto dovrà passare dal primo ministro Tsipras. Fa molta paura, dal punto di vista dell’ordine pubblico, un’eventuale finale tra AEK e Olympiakos.

Condividi
Pavese classe '91, laureato in scienze politiche, per lui lo sport è uno specchio su cui si riflette la storia di un popolo. Stregato dal calcio inglese e greco, ama la politica, l'heavy metal e il whiskey.