Göteborg: partenza lenta, ma per Lennartsson ci può stare

-

In teoria, una compagine dell’Allsvenskan, accreditata tra le possibili vincitrici del torneo, dovrebbe essere più forte di una della serie cadetta, tra l’altro neppure di quelle in prima fila. Le cose, però, nel calcio, non vanno sempre come da pronostico. Inoltre, le squadre svedesi, in questo periodo, sono nel pieno della preparazione, e i ritmi sono quelli che sono. Ovviamente, il discorso vale anche per le comprimarie: tuttavia, può accadere che, negli scontri diretti in Coppa, le differenze si livellino o, perlomeno, si possano assottigliare.

Tutto ciò premesso, non si è visto un brutto Göteborg, nel primo tempo della partita di Svenka Cupen contro il Degerfors: sia Rieks che Hysen si sono mossi bene, e al 29 minuto è arrivata la rete dei Blåvitt: angolo battuto da Ankersen, prolungato da Hysen sul secondo palo, dove Bjärsmyr ha servito, davanti alla porta, il neo acquisto Hernannsson, islandese proveniente dal PSV, 21 anni, che ha infilato in rete per l’1-0. Nella ripresa, gli avversari hanno poi trovato il pareggio, al 59′: bella fiondata di sinistro di Emil Johansson, prima respinta dalla difesa biancoblù, ma poi ribadita in rete da Samuelsson, più lesto della difesa avversaria a riprendere palla: nell’occasione, è apparso piuttosto fermo il norvegese Haitam Aleesami.

Dopo l’1-1, i Blåvitt hanno però preso decisamente in mano le redini dell’incontro, creando una buona mole di gioco, e almeno una mezza dozzina di possibili occasioni da gol, con Shield, Rieks, Ankersen e Hysen, senza però trovare la via della rete, grazie anche alla strenua difesa del Degerfors. La partita si è quindi chiusa con un pareggio.

A fine partita, tuttavia, il rude Lennartsson è apparso abbastanza soddisfatto di quanto visto, anche se non ha certamente risparmiato qualche critica ai suoi: “Non ci si può aspettare, in questo periodo della preparazione, che si vadano a creare molte chiare occasioni da gol. Però, davanti bisogna essere più precisi quando capitano. Tuttavia, ho già visto che si sta consolidando la struttura del gioco offensivo, con una certa varietà di soluzioni, e qualche bella giocata. Per concludere, sono soddisfatto della prestazione, ma deluso dal risultato” ha detto ai giornalisti che lo ascoltavano.

Buono è apparso, ai presenti, il debutto del ventunenne islandese Hernannsson, inserito in formazione dopo un provino e un breve (ma fruttuoso) periodo di formazione e ambientamento durante il ritiro di Dubai, autore della rete del momentaneo vantaggio per il  Göteborg. Il tecnico originario dello Småland, ha avuto parole di elogio per il ragazzo, e si tratta di cosa non certo comune per lui, come ben sappiamo: Non ha fatto molti errori, forse due o tre palloni sbagliati in tutta la partita, ma proprio a voler essere pignoli. Per essere il debutto, ha fatto bene. Lui e Mads Albaek sono stati due elementi positivi in questo turno di apertura della Svenska Cupen.”

Silvano Pulga
Silvano Pulga
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco.

MondoPallone Racconta… 14 per sempre

Johan Cruijff, profeta del calcio totale olandese e nell'olimpo dei migliori giocatori di sempre, ha detto stop. A 65 anni, dopo una carriera sul...
error: Content is protected !!