Super League greca: Buonanotte sveglia l’AEK, 3-1 contro un PAS Giannina in nove

-

L’AEK Atene, che arriva alla terza giornata con quattro punti, vuole vincere contro un PAS Giannina in ottima forma. Dellas punta sul suo 4-2-3-1, fa esordire dal primo minuto Buonanotte e lo mette a supporto di Chrisantus, accostato da Platellas e Barbosa. Petrakis invece ha poco a cui pensare: 4-4-2 coi migliori e via di automatismi.

Comincia la partita e si notano subito due cose: innanzitutto, i tifosi gialloneri si uniscono alle manifestazioni di solidarietà nei confronti dei migranti, già portate avanti da diverse tifoserie in Europa; inoltre, l’AEK tiene palla. Poco altro. Il possesso è sterile, le occasioni sono poche e l’agonismo latita. Al 20′, il classico fulmine a ciel sereno porta in vantaggio il PAS Giannina: Noé Acosta scende centralmente e scocca un rasoterra che bacia il palo e si insacca. Da qui la partita si accende e l’AEK si scuote. Il signor Mandalos, prima, concede una punizione dal limite (mandata fuori da Buonanotte), dopo aver indicato il dischetto alla mezz’ora; poi decreta un calcio di rigore, stavolta confermato, al 35′ per fallo di Berios sullo stesso Buonanotte, che segna l’1-1 capitolino dagli undici metri. L’ex Granada è infuocato e al 44′ fa secco il suo avversario e ribalta il risultato all’OAKA: si va a riposo sul 2-1 per l’AEK.

La ripresa comincia con dei buoni ritmi, soprattutto sull’asse portoghese Simões-Barbosa, con Chrisantus che non capitalizza i loro ottimi suggerimenti. La risposta del PAS Giannina sta tutta in un tiro deviato di Manias, poi sostituito da Ferfelis nel tentativo di Petrakis di ravvivare la squadra nella parte finale del campo. Ci provano poi anche Cristian Chávez, con un potente tiro, e Ferfelis su cross di Struna, tentativi che confermano la grande forza del gruppo dell’Epiro, ma al 74′ le cose si mettono male: Michail stende Vargas e si prende il secondo giallo. Il PAS subisce il colpo e il morale viene ulteriormente atterrato all’82’, quando Tzimopoulos mette giù Mandalos e viene espulso. L’AEK prova a mettersi ulteriormente al sicuro, ma la punizione di Vargas e il colpo di testa di Soiledis finiscono fuori. Vellidis in seguito risponde da grande portiere al venezuelano, ma non può nulla all’88’, quando la caparbietà di Vargas trova il 3-1, su azione di Aravidis. Tre gol per tre punti importanti, che mandano Dellas al secondo posto, a -2 dalla vetta.

 

AEK ATENE – PAS GIANNINA: 3-1 (2-1)

AEK Atene (4-2-3-1): Baroja 6; Rodrigo Galo 6,5, Kolovetsios 6, Tzanetopoulos 6,5, Soiledis 6; Johansson 6, André Simões 6,5; Platellas 6, Buonanotte 7,5 (63′ Vargas 7), Barbosa 6,5 (78′ Mandalos sv); Chrisantus 5,5 (57′ Aravidis 6,5). A disp.: Anestis, Dídac Vilá, César Arzo, Anakoglou. All.: Dellas

PAS Giannina (4-4-2): Vellidis 6; Struna 5,5, Berios 5, Michail 4, Fonsi 6; Chávez 5,5, Tzimopoulos 4,5, Tsoukalas 5,5, Acosta 6,5 (82′ Kozoronis sv); Ilić (46′ Giakos 5,5), Manias (67′ Ferfelis 5). A disp.: Peristeridis, Karanikas, Saparidis, A. Skondras. All.: Petrakis

Arbitro: Stavros Mandalos
Marcatori: 20′ Acosta (P), rig. 35′ e 44′ Buonanotte (A), 88′ Vargas (A)
Note: ammonizioni: Michail, Berios, Tzimopoulos, Struna (P). Espulsioni: 74′ Michail (P), 82′ Tzimopoulos (P)

Francesco Piacentini
Francesco Piacentini
Pavese classe '91, laureato in scienze politiche, per lui lo sport è uno specchio su cui si riflette la storia di un popolo. Stregato dal calcio inglese e greco, ama la politica, l'heavy metal e il whiskey.

MondoPallone Racconta… I mille volti di Platini

Il prossimo venerdì 11 dicembre il TAS di Losanna si esprimerà in merito al ricorso presentato da Michel Platini, presidente dell'UEFA, contro la sospensione...
error: Content is protected !!