Canada 2015, gruppo C: Svizzera super con l’Ecuador, Giappone di misura

Ai Mondiali di Calcio Femminile di Canada 2015 comincia la seconda giornata della fase a gironi: vediamo le partite del Gruppo C.

Svizzera-Ecuador 10-1

Le ragazze elvetiche guidate in panchina da Voss-Tecklenburg asfaltano le malcapitate ecuadoregne, rifilandogli ben dieci reti. Con questo successo le svizzere riscattano l’onorevole sconfitta della prima giornata con il Giappone, candidandosi seriamente al passaggio del turno, mentre le sudamericane incassano un’altra goleada dopo i sei goal subiti proprio con le nipponiche.

Gara senza storia sin dall’inizio, con il primo tempo terminato con “sole” due reti di scarto con la sfortunata autorete di Ponce e il guizzo sotto porta di Humm. Nella ripresa le biancorosse dilagano sfruttando la fragilità difensiva ecuadoregna, e siglano ben otto reti con la Moser (tripletta per lei) scatenata. Le altre marcature portano la firma di Bachmann (doppietta), Humm e Aigbogun, autrice di una sfortunata autorete.

Giappone-Camerun 2-1

Un altro successo risicato, ma molto più sofferto rispetto a quello della gara inaugurale con la Svizzera. Il Giappone batte 2-1 un orgoglioso Camerun e si qualifica per gli ottavi di finale con turno di anticipo, lasciando alle “leonesse” africane lo spareggio con la Svizzera come ultimo rifugio per il passaggio del turno. In apertura di gara la Sameshima sfrutta la disattenzione difensiva camerunense e infila l’incerta Ndom. Al 17′ il raddoppio nasce dall’errore in uscita dell’estremo rossoverde, superata dallo stacco aereo di Sugasawa che sigilla di fatto l’incontro.

Il secondo tempo, però, è un monologo della truppa di Ngachu, che prima riapre la contesa, al 90′,  con il chirurgico sinistro di Nchout e, in pieno recupero, sfiora il clamoroso pari con l’inzuccata di Enganamouit che termina a lato per centimetri.

 

Condividi
Nato a Terracina il 1° febbraio 1989. Amante di tutto ciò di sferico che rotola su un campo rettangolare. Collaboratore presso diverse testate giornalistiche, sportive e non. Studia Lettere alla Sapienza di Roma.